Trippa toscana di nonno Paolo

Share

La trippa toscana (nella versione rivista e corretta da Nonno Paolo) è il nostro contributo alla Giornata Nazionale della Trippa.

Oggi infatti, il Calendario Italiano del Cibo con l’Ambasciatrice  Sabrina Tocchio, festeggia la Giornata Nazionale della trippa e noi vogliamo contribuire con questa ricetta della trippa toscana.

La trippa toscana è  una delle specialità di mio padre (nonno Paolo, appunto). Quando ero piccola la preparava più spesso (e io la mangiavo anche di buon gusto..). Adesso la cucina solo saltuariamente, ma il Calendario Italiano del Cibo ci ha dato l’occasione giusta per prepararla di nuovo, e per farla assaggiare alle mie bimbe.

trippa toscana

Devo ammettere che, personalmente, non mi sono mai cimentata nella preparazione della trippa toscana, perchè non amo molto la vista delle frattaglie (è una di quelle cose di cui mi piace il sapore, ma le devo trovare pronte!!). Come non sono mai riuscita a preparare la salsa di fegatini toscana, così anche la trippa rimane uno dei piatti che mangio, ma non riesco a cucinare. Ognuno ha i propri limiti; questo è uno dei miei!!

Quindi, questa ricetta è opera completa di nonno Paolo, che si è gentilmente offerto di lavorare una giornata intera per cucinarmela!

La trippa Toscana è un piatto antico citato anche da Pellegrino Artusi che, nella sua ricetta n° 331 afferma che:

La trippa, comunque cucinata e condita, è sempre un piatto ordinario. La giudico poco confacente agli stomachi deboli e delicati, meno forse quella cucinata dai Milanesi, i quali hanno trovato modo di renderla tenera e leggiera, non che quella alla côrsa che vi descriverò più sotto.

In effetti, la trippa toscana non è uno dei piatti più leggeri della nostra tradizione culinaria, come del resto la maggior parte degli “umidi“. Per alleggerire un pò la ricetta, potete utilizzare l’olio al posto del burro, per soffriggere la trippa.

Il consiglio di nonno Paolo. Fate cuocere la trippa Toscana nel pomodoro a fuoco basso Se consumata il giorno successivo, poi, sarà ancora più buona!

Trippa Toscana (versione di nonno Paolo)

Ingredienti

800 g di Trippa (in commercio si trova già bollita)

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla

1 vasetto di pomodori pelati

sale, pepe

Olio extavergine di oliva

Parmigiano reggiano

Procedimento

Lavate la trippa sotto l’acqua corrente.

Tagliatela a listarelle sottili

Nel frattempo, fate soffriggere in padella il sedano, la carota e la cipolla in poco olio, per circa 10 minuti.

Aggiungete la trippa tagliata a listarelle e cuocete per altri 15 minuti.

Aggiungete il pomodoro, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere, a fuoco basso, per circa 30 minuti.

Servite calda, accompagnata da una spolverata di Parmigiano Reggiano.

trippa toscana

 

About me
CeciliaMazzei

Cecilia, bis-mamma, impiegata, appassionata di Cucina. Amo cucinare per gli altri e raccontare i miei esperimenti sul blog. Molte delle mie ricette sono realizzate in collaborazione con le mie figlie, alle quali spero di riuscire a tramandare un pò della mia passione per le cose buone, fatte in casa!

Share

Comments

  1. Sono commossa! Vi ringrazio del contributo: a te perchè non ami maneggiare ste cose (checetoccafaperilcalendario!!!!) e per tuo nonno che con amore e tradizione si è prestato. Grazie ancora di cuore

    • Ciao Sabrina, grazie!! L’artefice di questa leccornia è mio padre (nonno Paolo, perché le mie figlie lo chiamano così) e quindi ormai è nonno Paolo per tutti. Appena ha saputo che c’era una giornata della trippa si è offerto volontario (che sacrificio, eh??!!!). Devo dire che anche dopo anni la trippa gli viene sempre squisita!!!

  2. Ti sembrerà strano ma anche a me succede qualcosa. Se qualcuno le prepara per me mangio tutto i quinto quarto possibile, ma nel momento in cui lo cucino non riesco poi a mangiarlo!

    • Per la cronaca lo hanno mangiato anche le bimbe…e di gusto anche!!! Ringraziamo “Nonno Paolo” che si è prestato a cucinarla, e te “Nonna Elisabetta” che hai pulito la cucina dopo che nonno aveva cucinato!!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *