Torta coi Bischeri

Share

Questa settimana, secondo il Calendario del Cibo Italiano, è dedicata alle Ricette del Campanile, di cui Stefania Mulè è Ambasciatrice. In questa settimana festeggeremo le ricette della nostra storia gastronomica, con particolare risalto a quelle legate alle nostre realtà regionali o provinciali, anche se non diffuse in tutto il resto del Paese.

Quale occasione migliore per parlarvi della Torta Coi Bischeri, orgoglio dei paesi  della Val di Serchio?

La Torta Coi Bischeri (o “Co’ bischeri”, per dirla alla Toscana) è un dolce tipico dei paesi del comune di San Giuliano Terme, più esattamente del paese di Pontasserchio.

Pontasserchio è un piccolo paese nella provincia di Pisa che sorge lungo le sponde del fiume Serchio (da cui il nome Pontasserchio, ovvero Ponte – a-Serchio).

La torta co’ bischeri di Pontasserchio fu creata nella Valdiserchio, per accogliere le centinaia di pellegrini che venivano ogni anno  per la festa del SS. Crocifisso del Miracolo, immagine del 1200 ubicata dentro la Chiesa di San Michele Arcangelo, celebrata il 28 aprile, in ricordo di un evento miracoloso.
Il 28 Aprile è anche il giorno in cui si festeggia il Patrono di Pontasserchio. Secondo i racconti delle nonne,  in occasione della giornata del Patrono, le donne di casa si radunavano tutte insieme, a casa di quelle di loro che avevano il forno a legna più capiente (la nonna di mio marito era una di queste!) e producevano le Torte Coi Bischeri per tutto il paese, in stile catena di montaggio.

In occasione del Patrono, inoltre, viene tradizionalmente allestita dal Comune di San Giuliano Terme una manifestazione agro-alimentare molto conosciuta: l’Agrifiera.

Durante l’Agrifiera si possono trovare in tutte le migliori pasticcerie del paese (e di quelli limitrofi) le Torte coi bischeri, prodotte ancora artigianalmente.

torta coi bischeri

Dal 2007 la Torta coi bischeri ha anche un marchio registrato e un proprio disciplinare. Il marchio è di proprietà dei Comuni di San Giuliano Terme e Vecchiano.

Nel 2008 la Torta coi bischeri è stata presentata al Salone del Gusto Slow food di Torino riscuotendo un ottimo successo di critica da visitatori e esperti del settore (fonte).

Perché si chiama  “Torta coi Bischeri”?

Dovete sapere che in Toscana, la parola “Bischero” è usata dialettalmente per indicare una persona che si crede furba, quando invece si rivela un ingenuo o stupido. Diciamo che non è propriamente un appellativo che userei per dare un nome ad un dolce.

Quindi vi potete immaginare il mio stupore la prima volta che mi sono imbattuta in questa Torta coi Bischeri.

Infatti, per me, che non sono “piovuta” nel Comune di San Giuliano Terme da adulta, ma che sono originaria della costa maremmana, “bischero” era solamente un’offesa, e mai avrei pensato invece che potesse indicare un’altra cosa (tantomeno un dolce!!).
Ma allora cosa sono questi Bischeri della Torta coi Bischeri?
Contrariamente a quanto pensano in molti, i Bischeri non sono un ingrediente della torta (in genere si tende a pensare che siano i pinoli contenuti nell’impasto), ma bensì è il modo di chiamare le tipiche punte decorative della Torta, che vengono realizzate con la pasta.

torta coi bischeri

I Bischeri sono la caratteristica visiva principale tipica di questa torta e che la fa differire da una semplice crostata.
A prima vista infatti, se non fosse proprio per i “bischeri”, la Torta Coi Bischeri potrebbe essere scambiata per una crostata comune.

In realtà anche l’impasto utilizzato per la base (simil pasta frolla ma molto meno burrosa) e quello usato per il ripieno sono caratteristici ed unici di questa torta.

Con il passare degli anni, poi la tradizione della Torta coi Bischeri si è diffusa anche nei paesi e nelle provincie limitrofe, anche con qualche variazione sul tema. Ad esempio nella provincia di Lucca troviamo una ricetta simile chiamata Torta Co’ becchi (in questo caso i becchi indicano ancora una volta le punte della pasta) ma il cui ripieno è preparato con un mix di erbette.

Torta Coi Bischeri

Anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo realizzato la nostra mini catena di montaggio familiare per la produzione delle Torte: io al ripieno e alla composizione finale, Anna all’impasto (fase uno), Babbo all’impasto di forza e Alice alla regia! Grande lavoro di squadra..

Ingredienti (per 3 torte)

Per la pasta

4 uova

100 g di burro

350 g di zucchero

farina q.b. per ottenere un impasto morbido ed elastico

1 bicchierino di Marsala

2 bustine di lievito per dolci

la scorza grattugiata di un limone

Per il ripieno (o “il buzzo” come lo chiamavano le nonne)

300 g di riso arborio

100 g di pinoli di San Rossore

100 g di canditi

100 g di uvetta

300 g di zucchero

200 g di cioccolato fondente

100 g di cacao amaro

200 g di zucchero

3 uova

1 bicchierino di Marsala

Procedimento

Prepariamo la pasta.

Versare la farina su una spianatoia e formare la classica fontana.

torta coi bischeri

Aggiungere le uova, il burro e lo zucchero. aggiungere tutti gli altri ingredienti ed  impastare, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

torta coi bischeri

Avvolgere in una pellicola e lasciare riposare almeno 1 ora nel frigorifero.

Nel frattempo prepariamo il “buzzo“.

Cuocere il riso in abbondante acqua, scolarlo e aggiungere il cioccolato fondente a pezzi, mescolando per farlo sciogliere.

Lasciare raffreddare.

Aggiungere tutti gli altri ingredienti e mescolare bene.

Lasciare riposare per almeno un’ora anche l’impasto.

Riprendere la pasta, e dividerla un 4 parti uguali; 3 le utilizzeremo per le torte e la terza per le decorazioni.

Stendere l’impasto (volendo anche su un foglio di carta da forno) e con questo ricoprire una tortiera.

Aggiungere il ripieno e livellare.

Con la parte di pasta in avanzo, ricavare le strisce decorative per la torta.

Infine prepariamo i “Bischeri”.

Sempre utilizzando la pasta in avanzo, prendiamo dei tocchetti di pasta e fumiamo delle punte, che andremo ad aggiungere sul bordo della torta, decorandola lungo tutto il perimetro .

Nota: in alcune ricette i “bischeri” sono realizzati non con la pasta in avanzo, ma con la pasta della base, sollevandola leggermente dal bordo e conferendole la tipica forma appuntita.

torta coi bischeri

Cuocere in forno caldo a 175°C per circa 30 minuti.

Lasciar raffreddare prima di servire.

La nonna consiglia

Se la Torta coi Bischeri viene fatta riposare (anche fino ad un giorno) prima della cottura, i risultato è ancora migliore. E se lo dice la nonna…

 

 

 

About me
CeciliaMazzei

Cecilia, bis-mamma, impiegata, appassionata di Cucina. Amo cucinare per gli altri e raccontare i miei esperimenti sul blog. Molte delle mie ricette sono realizzate in collaborazione con le mie figlie, alle quali spero di riuscire a tramandare un pò della mia passione per le cose buone, fatte in casa!

Share

Comments

  1. Ma quante ricette tipiche ci sono nel nostro paese? A volte ad ogni campanile corrispondono ben più di una ricetta, ed è un vero peccato non poterle conoscere tutte. Per fortuna, grazie al Calendario del Cibo, e in particolare a questa settimana del campanile, sto scoprendo tanti piatti tipici locali, e leggendo storie e racconti davvero interessanti. Queste torte con le “punte” sembrano semplici crostate, e invece racchiudono un ripieno particolare, un tripudio di sapori. E’ bello quando in casa si cucina insieme a tutta la famiglia e la si coinvolge nel nostro amore per il cibo e le tradizioni.

    • Grazie Susanna! Questo Calendario del Cibo ha fatto scoprire anche a me tante ricette nuove ma anche ricette che conoscevo e di cui magari non conoscevo la storia o la tradizione. Aldilà delle ricette stesse infatti il Calendario ci permette di approfondire tutto ciò che sta anche “a lato” del piatto, ovvero le storie le narrazioni a volte anche i rituali dietro una semplice preparazione!
      Questa era la mia “prima volta”
      Con la torta coi becchi,l’ho sempre considerata una ricetta delle nonne, di quelle che solo loro riescono a preparare, invece è andata bene: è bastato metterci impegno, passione e amore e un grande team!!! Quando posso cerco infatti di coinvolgere tutta la famiglia nella preparazione delle mie ricette, la Cucina diventa così un altro modo di stare insieme!

  2. cecilia i bischeri non si aggiungono, ma si ricavano direttamente dalla sfoglia della base. selo vedi fare e con un po di manualita impari subito!

    • Ciao Marina,
      grazie! Io li ho, in parte ricavati dalla pasta in esubero, in parte aggiunti perché avevo visto fare così alla nonna di mio marito..Mi piacerebbe vederla fare nuovamente nella maniera tradizionale! Grazie per il chiarimento !

  3. Che ricordi, il riso era cotto nel latte, non in acqua, (è più gustoso, e si accompagna meglio in un dolce) ed i bischeri non erano aggiunti ma ottenuti piegando l’eccedenza di pasta.

  4. La ricetta è per-fet-ta!!!!! Solo una domanda, perdonami: se la fontana la facciamo prima di aggiungere gli altri ingredienti come lo quantifichiamo il q.b di farina? 🙁
    Potresti indicarmi almeno un quantitativo minimo di partenza?
    Questa è la ricetta migliore che abbia visto e voglio farla!
    Grazie mille e un saluto da Pisa
    Daniela

    • Grazie Daniela,
      scusa il ritardo della risposta, sono imperdonabile!
      Comunque io la quantifico così, ne verso circa 500 g sulla spianatoia e poi inizio ad impastare dal centro prendendo a mano a mano la farina dai bordi.
      Al limite se ne hai messa troppa ti rimane alle estremità.
      Grazie di tutto
      A presto
      Cecilia

  5. P.s. anche mia nonna pisana doc del lungomonte aggiungeva i bischeri alla fine uno per uno
    Ri-ciao!
    Daniela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *