Archive for ricette veloci

Pancake in bottiglia

Share

Se siete fan dei pancake, non potrete non adorare anche questi pancake in bottiglia.

Ho scoperto i pancake in bottiglia in un sabato pomeriggio piovoso quando, dopo una mattinata di lezione a scuola, 150 Km di macchina sotto la pioggia (e vento), mia figlia ha deciso di invitare le sue amiche a casa e mi ha chiesto di preparare loro un dolce per merenda.

Avrei potuto mai deluderla? No, ovviamente. Lei si aspettava una merenda speciale e io, invece, non avevo molta voglia di imbrattare di nuovo la cucina.

Così ho trovato, sul Web, questa fantastica idea dei pancake in bottiglia.

La ricetta è la stessa dei pancake classici, ma la particolarità è la realizzazione dell’impasto, che viene  preparato, appunto in bottiglia.

Strumenti necessari? Solo una bottiglia in plastica vuota (e pulita), niente più.

Zero ciotole da lavare, zero impasto sparso sulla cucina, zero utensili da lavare e sistemare dopo e, come se non bastasse, è possibile conservare l’impasto avanzato in bottiglia chiuso in frigorifero anche per due giorni.

Con i pancake in bottiglia avrete sempre disponibile il vostro impasto al momento opportuno senza sporcare in cucina. E credetemi, con i tempi strettissimi che mi ritrovo in questo periodo, questa condizione diventa  prioritaria.

La stessa tecnica può essere utilizzata anche per realizzare le crepes (aumentando la quantità di latte) o i pancake con farina di riso.

pancake in bottiglia

Pancake in bottiglia

Ingredienti

200 g farina 0
50 g zucchero di canna
1 uovo intero
1 cucchiaino di lievito per dolci
250 ml latte
1 noce di burro per la padella
1 bottiglia di plastica

Procedimento

pancake in bottiglia

Versare tutti gli ingredienti nella bottiglia utilizzando un imbuto.

Io ho inserito prima la farina setacciata con il lievito e poi gli altri ingredienti.

Chiudere la bottiglia.

Agitare velocemente per alcuni minuti per far amalgamare l’impasto.

Scaldare una padella antiaderente sul fuoco con una noce di burro.

Versare la quantità di impasto necessaria per il pancake, direttamente dalla bottiglia.

Cuocere pochi minuti per lato.

Farcire a piacere.

Guarda il video

 


 

Share

Cenci di Carnevale al forno

Share

I Cenci al forno, ovvero uno dei dolci simbolo del Carnevale, riproposto in chiave “al forno”.

Tradizione vuole che a Carnevale sulla tavola non manchino i classici cenci o “chiacchiere” o “” (a seconda della zona d’Italia in cui vi trovate).

E sempre secondo la tradizione questi dolcetti dovrebbero essere fritti e poi ricoperti da una spruzzata (abbondante) di zucchero a velo.

Da sempre, io non amo friggere (né tantomeno mangiare fritto..), così ho pensato di provare questa classica ricetta, nella variante al forno.

Decisamente buoni!

cenci di carnevale al forno

E se pensate (come erroneamente pensavo anche io prima di provare a farli) che la realizzazione di questa ricetta sia completa, vi sbagliate.

La ricetta è molto semplice, come del resto la maggior parte delle ricette che ci provengono dal passato, come semplici sono gli ingredienti base di questa preparazione.

Ed il risultato al forno è sorprendente!

Di seguito ho riportato il metodo di preparazione dell’impasto dei cenci con il Bimby (o con la planetaria) o a mano. La ricetta è molto veloce e si realizza nello stesso modo della pasta fresca all’uovo.

Cenci di Carnevale al forno

cenci di carnevale al forno

Ingredienti

300 g di farina 0

50 g di burro (morbido)

20 g di vino bianco

2 uova

50 g di zucchero

1/2 bustina di lievito per dolci

zucchero a velo per decorare

 

Procedimento con il Bimby

Polverizzate lo zucchero a velo, velocità 10, 10 secondi.

Aggiungete nel boccale  le uova, la farina, il burro ed il lievito.

Impastate per 1 minuto, velocità 5.

Aggiungete il vino bianco e impastate 2 minuti, velocità spiga.

Proseguire con il Procedimento comune.

Procedimento senza Bimby

Con la farina realizzare la classica fontana sulla spianatoia. Aggiungere le uova e cominciare ad impastare incorporando gli altri ingredienti.

Impastare a mano fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.

Proseguire con il procedimento comune.

 

Procedimento comune

Riporre l’impasto in frigo per circa 1 ora.

Riprendere l’impasto e stendere una sfoglia molto sottile sulla spianatoia con il mattarello.

Se preferite potete utilizzare la macchina per la pasta ricavando dei fogli sottili.

Con la rotella ricavare dei rettangoli.

Cuocere in forno per circa 15 minuti a 180°C.

Una volta raffreddati decorare con zucchero a velo.

 

Share

Biscotti al Vin Santo

Share

A grande richiesta arriva anche la ricetta di questi semplicissimi biscotti al Vin Santo.

Ho assaggiato i biscotti al Vin Santo,  per la prima volta a casa di mia madre, che li aveva sperimentati probabilmente colta da uno strano quanto raro impulso a cucinare (dato che lei al contrario di me detestare stare ai fornelli!!), e me ne sono subito innamorata.

Non aspettavo che il momento giusto per sfornarne anche io qualche teglia, ma mai avrei creduto che ci volesse così poco tempo a prepararli e soprattutto che fossero così buoni.

Il sapore è la particolarità di questo biscotti al Vin Santo, tanto semplici nella preparazione che sembra quasi uno scherzo. E invece sono proprio veri!!!

Per prepararli occorrono solo 5 minuti, una ciotola e un cucchiaio.
Anche l’elenco degli ingredienti è esiguo.
Ma il profumo che sprigioneranno questi biscotti al Vin Santo, una volta in forno vi lascerà senza fiato e con l’acquolina in bocca.

Io ne sono diventata praticamente dipendente e considerate che sono astemia e generalmente non amo il Vin Santo.

biscotti al vin santo

Biscotti al Vin Santo

Ingredienti

1 bicchiere di Vin Santo
1 bicchiere di olio di semi
1 bicchiere di uvetta
1/2 bicchiere di zucchero
1/2 bicchiere di pinoli
500g di farina 0
1/2 bustina di lievito per dolci

Procedimento

In una ciotola incorporate tutti gli ingredienti nell’ordine in cui sono elencati.
Mescolate con un cucchiaio fino a realizzare un composto omogeneo.
Sempre con il cucchiaio prendete poco impasto e formate delle palline.
Ponete i biscotti su una teglia ricoperta di carta da forno e cuocete in forno caldo a 180 gradi per 15-20 minuti.

Share

Purè di patate viola

Share

Si avvicina il Carnevale  e allora portiamo un pò di colore anche a tavola con il purè di patate viola.

Il purè di patate viola altro non è che purè realizzato con una particolare tipologia di patate, a pasta viola.

Il mio primo approccio con le patate viola è stato ad un ristorante della zona, dove mia figlia (mangiatrice di patate, fritte per lo più, ma anche arrosto non disdegna), pensando di ordinare un classico piatto di patate arrosto, si vide recapitare un coloratissimo piatto di patate viola. Ne siamo rimasti tutti esterrefatti.

Così, quando dopo un pò, ho ritrovato al supermercato questa confezione di patate viola, non ho esitato un attimo ad acquistarle e provarle.

E il primo esperimento è stato questo semplicissimo, ma d’effetto, purè di patate viola (ma ne ho in serbo altri…).

purè di patate viola

La realizzazione è del tutto analoga a quella del purè di patate classico, per cui non mi dilungherò troppo sulla ricetta, quanto piuttosto su qualche caratteristica di queste particolari patate.

In realtà quello che noi chiamiamo patate viola è una qualità di patata (vitellotte) originaria del Perù e appartenente alla famiglia delle Solanum. Oggi la sua coltivazione è diffusa anche in Francia.

Queste patate viola hanno una forma oblunga e irregolare; sono più piccole delle patate tradizionali ed il loro sapore è più delicato, simile quasi alla castagna.

Tra le caratteristiche di queste patate viola troviamo una grande quantità di antiossidanti (sostanze nutritive che proteggono l’organismo e aiutano a ridurre l’invecchiamento); maggiore anche della concentrazione presente nei mirtilli.

Sono impiegate principalmente dai grandi Chef (e dai Food Blogger!!!) per creare piatti d’effetto, belli scenograficamente e decisamente buoni!

Principalmente vengono utilizzate per la realizzazione di purè, gnocchi, ma anche tortini e chips!

Unico neo: il costo un pò elevato e la difficoltà di reperimento.

Ma per inaugurare il periodo più colorato dell’anno, ci voleva proprio un piatto allegro e colorato come questo purè di patate!

Purè di patate viola

Ingredienti

500 g di patate viola (vitellotte)

latte q.b.

noce moscata

sale q.b.

Procedimento

Per prima cosa lessare le patate.

Da un pò di tempo a questa parte io preferisco lessarle utilizzando il microonde; si impiega meno tempo, si sprigiona meno vapore e le patate rimangono corpose ma tenere.

Potete trovare le indicazioni per lessare le patate al microonde nel mio articolo sugli gnocchi di patate.

Sbucciate e schiacciate le patate.

In una casseruola versate la purea di patate e aggiungete il latte a poco a poco.

Fate andare a fuoco lento.

Regolate la quantità di latte in base alla resa della patata e alla consistenza che volete ottenere.

Unite sale e noce moscata e una noce di burro.

Servite caldo.

Abbinamento

provate questo purè per accompagnare l’arista di maiale con prugne e mele.

 

 

Share

Insalata russa a modo mio

Share

Era da tempo che volevo prepararmi nuovamente questa Insalata Russa.

Così ho colto l’occasione della GN dedicata all’Insalata Russa dal Calendario del Cibo Italiano (di cui Serena Bringheli è Ambasciatrice) e del fatto che avessi un pò di tempo a disposizione per prepararne una versione “a modo mio”.

L’Insalata Russa è forse una delle più note tra le insalate del gruppo “insalate composte di verdure cotte o miste di cotte e crude”, e viene prevalentemente servita come antipasto, anche se noi la mangiamo quasi sempre come contorno.

Sull’origine dell’Insalata Russa ci sono diverse teorie forse dovute anche alle varie ricette con cui questo piatto viene preparato nelle varie Nazioni.

Tra le varie possibili origini, alcune fonti ne attribuiscono la natività a Caterina dè Medici, altre le conferiscono nascita italiana e nome dovuto al fatto che veniva preparata con verdure coltivate prevalentemente in Russia.

Ma quale che sia l’effettiva origine dell’insalata russa, il dato di fatto è che, oggi, viene prodotta e utilizzata in moltissimi paesi e seguendo ricette anche molto diverse.

Oggi noi abbiamo preparato questa versione dell’Insalata Russa “a modo mio”, utilizzando solo verdure cotte al vapore e maionese fatta in casa con tuorli pastorizzati.

Non preparo molto spesso la maionese, ma da quando ho scoperto questa ricetta velocissima pastorizzando i tuorli delle uova, credo che la preparerò molto più frequentemente.

Anche in questo caso devo ringraziare una mia amica FoodBlogger Tamara Giorgetti e il suo articolo su La repubblica.it nel quale ci insegna come pastorizzare i tuorli delle uova per preparare la maionese!

Insalata Russa a Modo Mio

insalata russa

Ingredienti per le verdure

150 g di piselli surgelati

100 g di carote

1 patata

700 g di acqua

sale q.b.

1 cucchiaino di aceto

insalata russa

Ingredienti per la maionese

2 uova (i tuorli)

1,5 dl di Olio di semi

0,5 dl di Olio Extravergine di Oliva

1 cucchiaino di sale

1 cucchiaino di succo di limone

insalata russa

Procedimento

Tagliare tutte le verdure a cubetti e posizionarli nel vassoio della Vaporiera.

Aggiungere l’acqua nel recipiente della Vaporiera e l’aceto.

Cuocere le verdure al vapore per circa 20 minuti.

Lasciare raffreddare a temperatura ambiente.

Nel frattempo prepariamo la maionese con i tuorli pastorizzati.

Scaldare l’olio di semi in un pentolino fino al raggiungimento della temperatura di 70°C (utilizzare un termometro per liquidi).

Questo passaggio è molto veloce, perché l’olio impiega pochissimo a raggiungere la temperatura stabilita. Io vi consiglio di iniziare subito da freddo a misurare la temperatura.

Versare i tuorli in un recipiente del mixer e iniziare a montare con la frusta.

Aggiungere l’olio caldo a filo sempre continuando a montare.

Poi versare l’olio a temperatura ambiente e incorporare il succo di limone e il sale.

Continuare a montare per 10 secondi.

Lasciare raffreddare.

La maionese realizzata con questo procedimento può essere conservata per circa 24/48 ore.

Una volta che la maionese e le verdure saranno raffreddate, amalgamatele insieme e disponetele in una ciotola da portata.

La vostra Insalata Russa è pronta!

insalata russa

 

 

 

 

 

Share