Archive for pasta madre

Grissini di pasta madre pomodoro e basilico

Share

I grissini di pasta madre pomodoro e basilico sono il mio contributo per la Giornata Nazionale dei Grissini secondo il  Calendario del Cibo Italiano di AIFB di cui Valentina Venuti è Ambasciatrice .

I grissini di pasta madre al pomodoro e basilico realizzati semplicemente (e anche molto velocemente) utilizzando la pasta madre di riporto sono un ottimo sostituto del pane, ma sono perfetti anche da sgranocchiare tra un pasto e l’altro.

Tutte le settimane quando procediamo al rinfresco del nostro amatissimo lievito madre, capita spesso che dobbiamo buttarne una parte, perché non tutto può essere utilizzato, ma questo è un vero peccato, perché si tratta sempre di uno spreco di materia prima che può tranquillamente diventare un lavorato d’eccellenza.

Così dopo aver sperimentato le tigelle in padella, con pasta madre in esubero, che comunque richiedono alcuni passaggi e accortezze per eliminare quella nota acidula dovuta alla fermentazione lievito madre, ho tentato l’esperimento grissini.

Per l’occasione abbiamo preparato questi grissini di pasta madre al profumo di pomodoro e basilico, arricchiti con olio piccante per renderli ancora più gustosi e saporiti .

grissini di pasta madre

I grissini di pasta madre, sono semplici e veloci, dicevano, perché non necessitano di lievitazione e sono quindi adatti ad essere cotti e mangiati.

Simpatici, colorati (grazie all’effetto del pomodoro) e volutamente imperfetti nella forma lavorata velocemente a mano per creare anche una nota di movimento sula tavola.

Questi grissini di pasta madre pomodoro e basilico sono perfetti per accompagnare salumi e formaggi (anche quelli freschi: provateli con lo stracchino !!).

Grissini di pasta madre pomodoro e basilico

Ingredienti

300 g di farina 0

200 g di lievito madre in esubero

90 g di olio EVO

150 g di acqua

basilico

concentrato di pomodoro q.b.

sale grosso

1 cucchiaino di olio piccante

grissini di pasta madre

Procedimento

Sciogliere il lievito madre nell’acqua, aggiungere l’olio, la farina, il concentrato di pomodoro e il basilico lavato e tritato finemente.

Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Dividere l’impasto in piccole palline.

Stendere con le mani ogni parte dell’impasto dando la classica forma del grissino.

Passare ogni grissino nel sale grosso e posizionare su una teglia ricoperta di carta da forno.

Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 10-15 minuti

 

I grissini di pasta madre si conservano chiusi in un contenitore o in un sacchetto (tipo quello dei surgelati) per diversi giorni.

 

Share

Bagel integrali

Share

Bagel integrali con lievito madre: la mia prima ricetta per Re-Cake 2.0!

I Bagel integrali sono il piatto del mese di Febbraio per la “sfida” di Re-Cake 2.0, un gioco in cui, ogni mese viene proprosta una ricetta dallo Staff ed i Foodblogger partecipanti (ma anche foodlovers) hanno tempo fino al 29 del mese per poter ripetere la ricetta, tale e quale o con qualche modifica a loro piacimento.

Bagel integrali

Locandina originale di Re-Cake 2.0

Potevo io esimermi dal partecipare? Assolutamente No.

Poi questo mese ci sono i Bagel integrali! Non potevo mica farmeli scappare!

Continue Reading →

Share

Focaccia cacio e pere

Share

Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere? 

Dice un famoso detto, e noi per esagerare siamo andati oltre e abbiamo pensato addirittura ad una focaccia cacio e pere!

Beh, se cacio e pere sono buoni mangiati soli, figuriamoci insieme ad una focaccia realizzata con lievito madre e lievitata 24 ore!

Questa focaccia cacio e pere è un’altra di quelle ricette inventate e realizzate all’ultimo minuto, con il forno già acceso e la tavola già apparecchiata!

Avevo preparato l’impasto con il lievito madre (se volete saperne di più sul lievito madre, potete leggere questo articolo) come una normale pasta per la pizza (la ricetta completa, qui) e la mia idea era quella di cucinare delle focacce per accompagnare un semplice piatto di salumi e formaggi.

Poi, mentre stavo stendendo la pasta, mi è venuta in mente l’idea di realizzare una focaccia al formaggio, visto che avevo una buona dose di formaggi in frigo.  Passando davanti al cesto della frutta, inoltre, ho notato anche le pere, che avevo appena acquistato e mi sono ricordata del famoso detto: “Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere“.

focaccia cacio e pere

Ed è stato allora che ho pensato di realizzare questa focaccia cacio e pere.. è stata un successone! In famiglia hanno gradito tutti, dato che siamo dei grandi appassionati di focaccia e anche dei gran golosi di formaggio.

Focaccia cacio e pere

Ingredienti

1 dose di pasta per la pizza con lievito madre come da ricetta

2 pere williams

formaggio a piacere

Noi abbiamo utilizzato: gorgonzola piccante, provola, e scamorza a fette

Procedimento

Preparate l’impasto per la pizza, come da ricetta base, e lasciate lievitare almeno 24 ore.

Stendete l’impasto a mano lasciandolo abbastanza alto.

Cuocetelo in forno caldo a 200 °C per 10 minuti.

A questo punto aggiungete i formaggi e continuate la cottura in forno per altri 5 minuti.

Infine aggiungete le pere tagliate a fettine fini e ripassate il tutto in forno per altri 5 minuti.

Servite calda.

 

Share

Tigelle con pasta madre

Share

Per la serie “non si butta via nulla” oggi ho sperimentato queste tigelle con pasta madre. Di pasta madre in questo momento ne ho in abbondanza e non sempre riesco a preparare pane, pizza o dolci, così finisce che al rinfresco successivo la quantità aumenta ancora e finisce che devo buttarne via un po’.

Dato che non amo buttare via il cibo, mi sembra uno spreco inutile ed evitabilissimo, ho provato ad utilizzare lo “scarto” per preparare queste tigelle con pasta madre in avanzo ancora non rinfrescata. (Se volete saperne di più della pasta madre e di come si rinfresca, leggete qui).

Questo preparazione è molto veloce perché non necessita di lievitazione; è necessario però aggiungere un po’ di bicarbonato di sodio alla preparazione per neutralizzare l’acido della pasta madre vecchia.

Queste tigelle con pasta madre sono ottime da consumare come pane per accompagnare i vostri piatti o da utilizzare come focacce. Riempite con formaggio spalmabile e salumi sono un ottimo piatto da portare in spiaggia!

tigelle con pasta madre

Le tigelle con pasta madre  

Ingredienti

320 gr di pasta madre non rinfrescata

acqua q.b. per il bagnetto

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

sale q.b.

olio di oliva per spennellare

tigelle con pasta madre

Procedimento

Il bagnetto

Prima di procedere alla preparazione delle tigelle occorre effettuare il bagnetto alla pasta madre per addolcirla ed eliminare parte del sapore acidulo.

Per il bagnetto, mettete la pasta madre in un barattolo di vetro o una boule e aggiungete tanta acqua quanto basta per ricoprirla. Sciogliete nell’acqua un cucchiaino di zucchero. Lasciate riposare per 30 minuti.

Le tigelle

Trascorsi i 30 minuti scolate la pasta madre, aggiungete un cucchiaino di bicarbonato e lavorate l’impasto su una spianatoia molto bene infarinata, senza aggiungere altra farina alla preparazione.

Dividete l’impasto in 4 parti e formate quattro schiacciatine con le mani.

tigelle con pasta madre

Oliatele in superficie e salate.

Cuocete in forno caldo a 200°C per 10 minuti.

Farcite a piacere!!

 

 

Share

Focaccia pugliese con lievito madre

Share

E’ Domenica sera e, per di più, piove! Per consolarmi mi voglio (e vi voglio)  proiettare già verso il prossimo week-end (con un giorno in più; finalmente!!) con questa ricetta della focaccia pugliese con il lievito madre; da preparare per la gita fuori porta del Primo Maggio…Sempre che il tempo ci assista.

Ormai ci conoscete; adoriamo la pizza e le focacce in tutti i gusti e versioni possibili, ma deve essere preparata rigorosamente con il lievito madre!

focaccia pugliese-impasto

La focaccia pugliese è adatta ad essere mangiata da sola o come accompagnamento per salumi e formaggi, ma anche servita insieme ad un buon aperitivo. E’ una focaccia morbida, grazie alla presenza delle patate nell’impasto, e rimane morbida anche il giorno successivo alla cottura: ottima, quindi, per i pic-nic!!!

In questo impasto della focaccia pugliese abbiamo utilizzato due tipi di farina: la farina 0 e la farina 1, (che è una farina meno raffinata della 0, con un più alto valore di crusca), per dare alla nostra focaccia pugliese un sapore ancora più rustico.

La preparazione della focaccia pugliese è facilissima, basta ricordarsi prima di cuocere le patate al vapore, però!!! La riuscita è spettacolare!!

focaccia pugliese

Focaccia Pugliese

Ingredienti ( per 1 teglia)

200 gr di lievito madre (o 1 cubetto di lievito di birra)

300 gr di acqua naturale tiepida

250 gr di farina 0

250 gr di farina 1

150 gr di patate

30 gr di olio EVO

1 cucchiaino di miele

1 pizzico di sale

20 pomodorini pachino

origano, sale, olio EVO q.b.

Preparazione

Cuocete le patate al vapore per circa 15 minuti. Fatele raffreddare e tenetele da parte.

Schiacciate le patate o passatele allo schiacciapatate.

Sciogliete il lievito madre nell’acqua tiepida ed il miele.

Aggiungete le farine mescolate, le patate schiacciate, l’olio e il sale.

Impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Coprite l’impasto con un canovaccio e lasciatelo riposare in luogo caldo per almeno 12 ore.

Prima di riprendere l’impasto, tagliate i pomodorini a metà e metteteli in infusione con l’olio di oliva, l’origano e il sale.

Al termine della lievitazione, stendete l’impasto con le mani su una placca da forno ben oleata.

Adagiatevi sopra i pomodorini e premeteli bene l’impasto. Aggiungete anche tutto il liquido di infusione dei pomodorini.

IMG_4849

Cuocete in forno caldo ventilato per circa 20 min a 180°C.

Sfornate e tagliate la focaccia pugliese  a quadratini.

Servite subito.


Se invece volete conservare la focaccia pugliese per il giorno successivo, lasciatela prima raffreddare su una griglia in modo da far espellere tutta l’umidità.

Una volta raffreddata, avvolgete la focaccia pugliese in un foglio di carta gialla e successivamente in un foglio di alluminio per alimenti.

Share