Archive for pasta frolla

Dita di strega

Share

Halloween is coming!!!! E anche noi non abbiamo resistito a preparare qualche ricetta spaventosa….le dita di strega, sono la nostra prima spaventosissima dolcezza.

Le dita di strega sono veramente facili da preparare; anche con i bambini, ma decisamente spaventose e disgustose al vedersi!!! Pensate che mio marito non è riuscito a mangiarne nemmeno uno.

L’effetto scenico è da paura, molto in stile Famiglia Addams, che noi, per altro, adoriamo (tanto che mia figlia grande per questo Halloween vuole vestirsi da Mercoledì!!!).

dita di strega

Con le dita di strega il vostro dolcetto scherzetto, sarà da brividi, e i bambini ne rimarranno stupiti!!!!

Siete pronti a scoprire questa ricetta spaventosa?

Allora andiamo a vedere come preparare queste dita di strega! E mi raccomando: fatevi aiutare dai vostri bambini nel prepararle, sarà divertente vedere le loro facce mentre le dita di strega prendono forma!!

Le dita di strega

Ingredienti (per circa 20 dita)

1/2 dose di pasta frolla classica o vegana 

20 mandorle

marmellata rossa (tipo fragola o ribes) per decorazione

 

Preparazione

Preparate la pasta frolla classica come da ricetta originale (la trovate anche nella mia ricetta dei biscotti bicolore); oppure, se preferite, potete preparare la versione vegana (la ricetta qui).

Con le mani arrotolate la pasta frolla per formare dei cilindri.

Tagliate alla lunghezza di circa un dito.

Lavorate velocemente ogni dito per renderlo più gonfio sulla parte delle nocche.

Con un coltello ricavate delle piccole incisioni sulla parte centrale del dito.

Su un’estremità del dito appoggiate una mandorla, per formare l’unghia.

Dita di strega preparate da piccole streghette

Dita di strega preparate da piccole streghette

Cuocete in forno caldo a 180°C per dieci minuti.

dita di strega

Una volta cotti decorate la parte inferiore dell’unghia con la marmellata rossa (come fosse sangue).

Il risultato è spaventoso, ma molto goloso!!!

Se superate la prova di staccarne un pezzo con un morso, non ve ne pentirete!!!

dita di strega

 

 

 

Share

Biscotti bicolore

Share

Pioggia, vento e temperature in calo…e allora per rincuorarsi un po’ in questa grigia Domenica, che ne dite di preparare questi semplici biscotti bicolore?

I biscotti bicolore sono adatti per ogni momento della giornata, dalla colazione al dopocena passando per il tè delle cinque; per cui vi consiglio una dose almeno doppia, anche perché sono golosissimi!!

Avevamo già trattato l’argomento <<biscotti bicolore>>  nella loro accezione “vegan” parlando dei biscotti alle due frolle, ma in questo caso ho voluto attenermi alla ricetta classica della pasta frolla, anche perché avevo bisogno di una frolla molto compatta per realizzare queste forme.

Avevo visto questi biscotti bicolore in diverse pasticcerie e me ne ero innamorata: una semplice base di pasta frolla ma svariate forme e combinazioni li rendono unici e bellissimi da vedere.

Così mi sono detta: perché non farli anche a casa?

Ed ecco il risultato..

biscotti bicolore

Una volta realizzate le due frolle (una bianca classico ed una con l’aggiunta di cacao), basta utilizzare un po’ di logica e di fantasia e il vostro vassoio di biscotti bicolore sarà all’altezza delle migliori pasticcerie!!

Biscotti bicolore

Ingredienti (per circa 20-30 biscotti)

Per la pasta frolla chiara

80 gr di zucchero di canna

300 gr di farina 0

1 uovo

130 gr di burro morbido

scorza di limone

1 cucchiaio di lievito per dolci

Per la pasta frolla al cioccolato

80 gr di zucchero di canna

300 gr di farina 0

1 uovo

130 gr di burro morbido

30 gr di cacao in polvere amaro

scorza di limone

1 cucchiaio di lievito per dolci

Preparazione

Preparate le due frolle separatamente, prima la chiara e poi quella al cacao.

Le due frolle

Le due frolle

Per la preparazione potete utilizzare la planetaria, il Bimby o lavorare la frolla a mano a seconda del tempo che avete a disposizione.

Polverizzate lo zucchero con la scorza di limone (con il mixer).

Aggiungete la farina, l’uovo, il burro morbido ed il lievito.

Lavorate gli ingredienti fino a formare una palla omogenea.

Avvolgete la frolla nella pellicola e riponetela in frigo per almeno 30 minuti.

Preparate la frolla al cacao seguendo lo stesso procedimento ed aggiungete il cacao assieme alla farina.

Avvolgete la frolla nella pellicola e riponetela in frigo per almeno 30 minuti.

Perché preparare prima la frolla bianca e poi quella al cacao?

In questo modo potete utilizzare gli stessi utensili e ciotole per la lavorazione, senza doverli lavare, ma allo stesso tempo senza rischiare di sporcare la frolla chiara.

Lavorate le due frolle su una spianatoia e ricavate 4 cilindri di uguale lunghezza e grandezza.

Lasciate eventuali avanzi di pasta per preparare altre forme di biscotto.

Unite 1 cilindro bianco ed 1 al cacao e adagiatevi sopra gli altri due, sempre alternati; premete leggermente ai bordi per far aderire bene le varie preparazioni.

biscotti bicolore

Avvolgete il tutto nella pellicola e riponete in frigorifero per altri 30 minuti.

Tagliate i biscotti ad altezza di circa 1 cm con l’aiuto di un coltello; adagiateli sulla placca da forno rivestita da carta da forno.

biscotti bicoloreCuocete in forno caldo a 170°C per circa 15 minuti.

Il consiglio: cercate di tagliare i biscotti piuttosto spessi in modo che cuociano senza bruciare in superficie e allo stesso tempo rimangano morbidi all’inteno.

Lasciate raffreddare e servite.


 

Se invece volete ottenere l’effetto Girella, stendete le due frolle, adagiate la frolla al cacao sopra alla bianca (o viceversa per la versione al “negativo”), arrotolate a formare un cilindro da cui riceverete i vostri biscotti bicolore.

biscotti bicolore


 

Alternate in un vassoio da portata i vostri biscotti bicolore nelle loro varie forme…l’effetto è Top!!!

 

Share

Crostata ai frutti di bosco

Share

Questa settimana abbiamo saltato (causa lavoro) la nostra ricetta del Lunedì mattina e per farmi perdonare voglio proporvi questa fantastica crostata ai frutti di bosco. Un dolce semplice che piace a tutti, adatto come fine pasto, per una merenda sostanziosa o come colazione “coccolosa”.

In questa versione della crostata ai frutti di bosco ho racchiuso un mix di filosofie di pensiero in termini alimentari, mescolando ricette vegane con ricette tradizionali. Diciamo che è una ricetta poutpourry!!!!

La base della crostata ai frutti di bosco è infatti realizzata con la ricetta della pasta frolla vegan, che  ho scoperto essere una valida alternativa alla pasta frolla tradizionale per tutte le ricette: dalle crostate di marmellata, ai biscotti.

Invece, per la crema ho voluto mantenermi sul tradizionale e ho utilizzato al classica ricetta con uova e farina di grano; non ho voluto osare troppo, anche perché non avrei idea di come realizzare la crema pasticciera senza uova!!! Quindi, amiche vegane in “ascolto”: suggeritemi un’alternativa per la crema, così posso sperimentare!!!

Per la crostata ai frutti di bosco ho utilizzato la modalità di cottura alla “cieca”, che avevo già utilizzato per la torta salata ai porri. Questa modalità prevede di cuocere prima la base, in questo caso la pasta frolla, nel suo stampo, e poi farcire la torta con i restanti alimenti. Si usa in genere per le torte di frutta, per le torte salate ma anche per le crostate al cioccolato o alla marmellata.

crostata ai frutti di bosco

Crostata ai frutti di bosco

Ingredienti

Per la base

1 dose di pasta frolla vegan come da ricetta base, qui.

Per la crema

250 gr Latte p.s.
50 gr Zucchero di canna
1 Uova
25 gr Farina 0
Scorsa di Limone non trattato.

Per la decorazione

200 gr di frutti di bosco misti

Potete usare anche quelli congelati, in mancanza di quelli freschi.

Preparazione

Preparate la pasta frolla vegan come da ricetta base.

Stendete la pasta frolla su una spianatoia e sistematela in una tortiera (diametro 20/22) ricoperta di carta da forno.

Ricoprite la pasta frolla con fagioli secchi per procedere con la cottura alla cieca.

Cuocete la pasta frolla vegan in forno caldo a 180°C per circa 10 minuti.

Nel frattempo sbollentate i frutti di bosco (se li avete congelati) e teneteli da parte.

Se invece usate i frutti di bosco freschi, lavateli, e conditeli con zucchero di canna e un po’ di succo di limone e teneteli da parte.

Preparare la crema pasticcera

Per la preparazione della crema pasticcera ci sono diversi metodi. Qui vi suggerisco alcuni link a ricette diverse per prepararla; scegliete voi quello che preferite.

Con il Bimby

Se avete poco tempo o per andare sul sicuro, evitando “impazzimenti” della crema, potete trovare la ricetta per prepararla con il Bimby qui.

Senza Bimby (fonte “Il Cucchiaio D’Argento”)

Il Cucchiaio d’Argento ci propone la ricetta tradizionale semplice e veloce, leggi qui.

Senza Bimby (fonte “Giallo Zafferano”)

Giallo Zafferano invece ci propone una ricetta, più corposa e un po’ più laboriosa rispetto alla tradizionale, ma di grande effetto; leggi la ricetta qui.

crostata ai frutti di bosco

Farcire la Crostata ai frutti di bosco

Una volta preparata la crema utilizzatela per farcire la base della crostata ai frutti di bosco.


IMG_4852

Ricoprite con i frutti di bosco e spolverizzate con zucchero a velo.

crostata ai frutti di bosco

Share

Pasta frolla vegan

Share

La pasta frolla è una delle basi per dolci che preferisco in assoluto, ma da quando ho scoperto la mia intolleranza al latte ed alcune farine, ho dovuto cercare versioni alternative alla ricetta classica. Così ho scoperto questa pasta frolla vegan senza uova e senza burro.

All’inizio ero scettica, avevo già sperimentato alle varianti della ricetta classica sostituendo il burro con olio di semi, ma il risultato non mi aveva mai soddisfatto: troppo friabili, non lavorabili con il matterello e poco gestibili; nessuna aveva superato la “prova crostata”!

La prova crostata è un test che eseguo di solito quando sperimento nuove varianti della pastafrolla o per valutare la compattezza di una marmellata fatta in casa; se la pasta frolla non è malleabile il risultato  somiglierà più ad una sbriciolona che ad una crostata, se la marmellata è troppo liquida sarà difficile mangiare la torta a fette…Insomma per una crostata perfetta ci vuole il giusto equilibrio tra morbidezza ed elasticità della pasta e compattezza della marmellata.

Questa pasta frolla vegan ha superato a pieni voti la “prova crostata” (e anche le mie aspettative). Se non vi fidate giudicate voi:

pasta frolla vegan- crostata

 

Per questa ricetta ho utilizzato una marmellata bio di frutti rossi e lamponi (65% di frutta) acquistata; in dispensa, infatti, avevo solo la marmellata di limoni fatta in casa, ma la pasta frolla vegan è molto meno dolce della pasta frolla tradizionale, quindi serviva un abbinamento con una marmellata sufficientemente dolce, tipo quella di fragole o mirtilli.

Anche se non siete vegani ma, come me, amate variare la vostra alimentazione e limitare i cibi superflui e “dannosi”, prendete nota della ricetta della pasta frolla vegan; sono sicura che convincerà che voi.

Ho letto la  ricetta originale su www.nonsprecare.it, qui vi ripropongo la mia versione, senza zuccheri e farine raffinati ma solo zucchero di canna e farina tipo 0 e latte di riso.

Pasta frolla vegan

Ingredienti

300 gr di farina 0

60 gr di zucchero di canna

120 ml di latte di riso

70 ml di olio di semi di girasole

mezza bustina di lievito per dolci

 

Preparazione con il Bimby

Versate lo zucchero nel boccale e azionate 10 sec velocità 8. Riunite sul fondo con la spatola.

Versate tutti gli ingredienti nel boccale e impastate, 1 minuto velocità spiga.

Avvolgete la pasta frolla con la pellicola e lasciala riposare in frigo per 30 minuti minimo.

 

Preparazione senza il Bimby

In una ciotola setacciate il lievito e la farina. Formate la classica fontana. Al centro versate l’olio, il latte di riso e lo zucchero. Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Avvolgete la pasta frolla con la pellicola e lasciala riposare in frigo per 30 minuti minimo.

Abbinamenti

La pasta frolla vegan si abbina a marmellate dolci tipo fragole, ciliegie, pesche, mirtilli e frutti di bosco, o crema gianduia.

Share