Archive for colazione

Cornetti al burro. Veloci, senza lievito di birra

Share

Cornetti al burro. La colazione preferita dagli Italiani.

Anche in casa mia i cornetti al burro battono tutti i rivali (o quasi tutti) in fatto di colazione.

Perfino io, che sono una mangiatrice di gallette e fette biscottate, ogni tanto mi concedo il lusso di un cornetto, magari appena sfornato.

Così stamani, rimasta a casa inaspettatamente, causa maltempo (e che tempo!) ho deciso di riprendere in mano la passione per la cucina, tralasciata da qualche mese per gli esami universitari.

Quindi dopo tanto stress mentale, e qualche arrabbiatura, ho pensato di concedermi una colazione golosa con questi cornetti al burro. Veloci, senza lievito di birra, si preparano e si infornano subito.

E rimangono morbidissimi.

Questi cornetti al burro sono buonissimi farciti con marmellate o cioccolata come  altrettanto gustati da soli, per inzupparli in una tazza di latte caldo.

Se poi, come me, non amate troppo il dolce, potete provarli ripieni di prosciutto cotto e formaggio, perché nell’impasto non ho aggiunto zucchero, quindi il loro sapore rimane neutro.

cornetti al burro

Cornetti al burro veloci

Ingredienti (per 8 cornetti)

200 g di farina 0

50 g di fecola di patate

125 g di burro

125 g di yogurt bianco

mezza bustina di lievito per dolci

scorza di limone bio

Per decorare

latte e zucchero di canna q.b

Procedimento

cornetti al burro

Sciogliere il burro nel microonde (30 sec, potenza 600 W) e lasciarlo raffreddare.

Nel frattempo, in una ciotola, mescolare le due farine, il lievito, unire la scorza di limone grattugiata e lo yogurt.

Aggiungere il burro fuso e impastare velocemente fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Stendere l’impasto fra due fogli di carta da forno, ricavando un cerchio.

Con un coltello ben affilato, tagliamo il cerchio in più triangoli.

Se volete farcirli all’interno, versate un cucchiaino di ripieno al centro del triangolo, poi procedete a formare i cornetti.

Ripieghiamo i triangoli su se stessi, partendo dalla base, per formare i nostri cornetti al burro.

Spennellate la superficie con latte e zucchero di canna.

Cuocere in forno caldo statico a 175°C per circa 20 minuti.

Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.

 

 

 

 

Share

Torta di rose all’arancia

Share

La Torta di rose all’arancia è la nostra proposta per le colazioni di Natale.

Questa torta di rose all’arancia con la sua morbidezza e l’inconfondibile aroma dell’arancia si adatta benissimo alle colazioni dei periodi di Festa, come quelli che si stanno avvicinando.

Durante le vacanze di Natale, infatti abbiamo più tempo (e anche più voglia) per concederci una colazione da consumare con calme e lentezza, godendosi appieno ogni minuto e magari gustando un dolce semplice preparato in casa.

Questa torta di rose all’arancia l’ho pensata appunto così, come un comfort food natalizio da gustarmela con il pigiamone con le renne, i calzettoni di lana rossi seduti davanti al camino acceso e una bella tazza di caffè fumante.

torta di rose all'arancia

E poi questa torta di rose all’arancia si prepara molto velocemente e si conserva soffice per diversi giorni.

Torta di rose all’arancia

Ingredienti

20 g di zucchero di canna

3 tuorli d’uovo

350 g di farina 0

150 g di latte

1 bustina di lievito per dolci secco

1 cucchiaino di zucchero

30 g di olio di oliva

 

Per la farcitura

100 g di zucchero di canna

100 g di burro (a temperatura ambiente)

cannella (a piacere)

pasta di arancia candita (spalmabile)

Procedimento

Per preparare l’impasto si può utilizzare l’impastatrice, il Bimby, oppure realizzare l’impasto a mano.  In questo caso io ho utilizzato la funzione impastatrice del Bimby, per velocizzare i tempi.

Nel boccale dell’impastatrice unire, in quest’ordine, il latte, la farina, i tuorli d’ uovo, l’olio, il lievito e il cucchiaino di zucchero. Impastare 1 minuto velocità spiga.

Con l’aiuto di un mattarello, stendere l’impasto fra due fogli di carta da forno, formando un rettangolo abbastanza sottile.

Lavorate il burro, che deve essere molto morbido, ma non fuso, con lo zucchero e la cannella.

Stendere questo composto sull’impasto.

Unite l’arancia candita, oppure se non avete a disposizione l’arancia candita splamabile, potete utilizzare della marmellata.

Arrotolare la sfoglia a formare un cilindro.

Tagliare dei tronchetti alti circa 4 cm, chiuderli nella parte inferiore e sistemarli, ben distanziati, su di una placca da forno rivestita di carta da forno.

Lasciare lievitare in luogo caldo per 2 ore.

Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 30 minuti.

torta di rose all'arancia

Share

Crostata di fragole e viole

Share

La crostata di fragole e viole è il nostro dolce della settimana.

La crostata di fragole e viole è un dolce fresco, profumato e colorato  adatto a questa stagione in cui le prime fragole cominciano a maturare e i primi caldi iniziano a farsi sentire.
Qui è già quasi estate (anche se a  giorni alterni) e noi già abbiamo voglia di piatti freschi ma sempre golosi.

Dopo il pieno di cioccolata che abbiamo fatto ad Aprile questo mese lo dedichiamo alla frutta e in particolare alle fragole.

E per il dolce di questa settimana ho pensato appunto alla crostata di fragole e viole arricchita con petali di viole edulee.

Ho scoperto i fiori edulei da poco, grazie alla mia amica  Valentina de Felice di diVerdediViola; è infatti grazie alle sue ricette, in particolare il fantastico Honey Posset alla Violetta e ai suoi preziosi consigli che mi sono avvicinata all’utilizzo dei fiori in cucina.

Ed ora che li ho scoperti, non li mollo più! Rendono il piatto profumato, colorato, esteticamente bellissimo e delicato al palato.

crostata di fragole e viole

Ovviamente prima di utilizzare i fiori in cucina, occorre seguire qualche piccolo accorgimento.

Non tutti i fiori sono commestibili, quindi  occorre sempre verificare la specie di appartenenza e soprattutto conviene utilizzare quelli coltivati in proprio. Io mi sono procurata delle piantine di viole edulee commestibili biologiche e le ho piantate nel nostro orto (sperando che le lumache le risparmino!). Va ricordato inoltre che, la parte commestibile di questi fiori edulei sono solamente i petali.

crostata di fragole e viole

Per questa ricetta della crostata di fragole e viole ho utilizzato i petali di viola classica, per la frolla invece ho optato per una frolla all’olio, più leggera e più morbida rispetto alla classica al burro.

La crostata di fragole e viole

crostata di fragole e viole

Ingredienti per la frolla

200 g di farina 0

100 g di zucchero di canna

75 g di olio di semi

75 g di acqua

1 cucchiaino di lievito per dolci

Ingredienti per la crema

2 uova

1 limone bio (la scorza)

100 g di zucchero di canna

40 g di farina

500 g di latte intero

Ingredienti per la decorazione

200 g di fragole

50 g di petali di viole

Procedimento per la frolla

In una ciotola mescolare la farina con lo zucchero di canna (meglio se polverizzato) e il lievito.

Unire l’olio e l’acqua ed impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Avvolgere in una pellicola e riporre in frigo per circa 1 ora.

Riprendere la frolla, stenderla fra du fogli di carta da forno e rivestire una tortiera.

Coprire la frolla con il foglio di carta da forno e ricoprire con sale grosso o fagioli secchi per procedere alla cottura alla cieca, in forno caldo a 175°C per circa 10-15 minuti.

Sfornare e lasciare raffreddare.

Procedimento per la crema

Nel frattempo, preparate la crema.

In una casseruola, lavorare lo zucchero con i tuorli fino a ottenere un composto bianco e spumoso.
Aggiungere la farina setacciata, il latte e due pezzetti di buccia di limone.

Scaldare a fiamma media e addensare la crema senza far bollire, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno.

Togliere le bucce di limone e lasciar raffreddare

Quando la crema sarà raffreddata, versatela sulla base di frolla e livellatela.

Lavate ed asciugate le fragole, poi tagliatele a fettine e decorate la torta

Lavate delicatamente ed asciugate le viole. Staccate i petali ad uno ad uno (lasciatene alcune intere per decorazione). Cospargete i petali sulla torta.

Delle viole intere, rivestite il gambo con dell’alluminio e ponetele al centro della torta per decorazione.

crostata di fragole e viole

 

 

 

 

Share

Biscotti al grano saraceno

Share

Stamani risveglio rustico con i biscotti al grano saraceno!

Questi biscotti al grano saraceno sono tutto merito di MTChallenge in cui Dani e Juri di Acqua e Menta, vincitori della precedente sfida, hanno proposto per questo mese il tema “biscotti” (in tutte le salse!!). Così, a forza di vedere su tutti i Social Network foto di biscotti golosi, perfetti ed invitanti, mi è venuta voglia di provare almeno un paio (forse anche tre) ricette!

Dimenticato quindi il detto “Aprile dolce dormire”, mi sono armata di farina, burro o olio a seconda dell’occasione, teglie e carta da forno e via, sono partita con le mie infornature notturne.

Dopo i biscotti di frolla montata, che sono riuscita a fotografare solo perché li ho cucinati di notte quando tutti dormivano, dato che la mattina a colazione erano già finiti (e digeriti), ho preparato questi biscotti al grano saraceno, senza burro e senza latte (per amici intolleranti).

biscotti al grano saraceno

Facilissimi da preparare, veloci da cucinare sono buonissimi da mangiare da soli, da inzuppare nel latte (quindi sarebbero anche “inzupposi”) ma anche farciti con la marmellata.

Noi, ad esempio, li abbiamo farciti con la nostra marmellata di limoni amara, per renderli ancora più rustici.

biscotti al grano saraceno

Biscotti al grano saraceno

100 g di farina 0

200 g di farina di grano saraceno

150 g di zucchero di canna

100 g di olio di semi (io girasole)

acqua tiepida q.b.

lievito per dolci (1 cucchiaino)

 

Procedimento

In una ciotola (o sulla spianatoia) lavorare le due farine con il lievito, aggiungere lo zucchero, poi l’olio ed impastare.

Mano a mano che si procede con l’impasto aggiungere eventualmente dell’acqua tiepida al bisogno se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto.

Quando l’impasto sarà amalgamato bene, formare una palla, rivestirla di pellicola e farla riposare in frigo per circa 1 ora.

Stendere la pasta sulla spianatoia e ricavare dei biscotti tondi con il tagliabiscotti (o coppapasta). Noi abbiamo utilizzato anche lo stampino per biscotti, che ci avevano regalato a Natale, per personalizzare questi biscotti al grano saraceno.

Cuocere in forno caldo a 175°C per circa 10-15 minuti.

biscotti al grano saraceno

I biscotti al grano saraceno possono essere mangiati “al naturale” oppure accoppiati e farciti con marmellata.

Conservare in una scatola di latta.

 

Share

Biscotti di frolla montata

Share

Oggi colazione golosa con i biscotti di frolla montata “pucciati” nel cioccolato fondente.

Non avevo mai preparato i biscotti di frolla montata prima d’ora. Li avevo sempre mangiati e basta, avendo sempre creduto che fossero estremamente complicati e adatti solo a pasticceri esperti. Mi sbagliavo.

In realtà, i biscotti di frolla montata sono semplici e veloci tanto quanto quelli di frolla classica, facilissimi da realizzare anche a casa, con pochi e semplici strumenti, e adatti ad essere preparati e infornati alle tarde ore notturne (in cui spesso mi trovo io a cucinare).

Ho deciso di provare a preparare questi biscotti di frolla montata quando ho cominciato a seguire, da esterna, le sfide di MTChallenge. Questo mese la sfida, proposta da Daniela e Juri di Acqua e Menta, vincitori della sfida del mese scorso,  è proprio sui biscotti, e una delle ricette comprende i biscotti di frolla montata.

Così, leggendo le varie ricette proposte ho trovato anche quella della frolla montata e ho deciso di replicarla subito. Per iniziare ho provato la ricetta classica, con farina, burro e uova, ma visto il risultato, non escludo che molto presento proverò anche ad aggiungere ingredienti per personalizzarli.

Intanto godiamoci questi.

biscotti di frolla montata

Biscotti di frolla montata

Ingredienti (per circa 20 biscotti)

120 g di zucchero di canna

200 g di burro molto morbido (non fuso)

1 limone bio (la scorza)

40o g di farina 0

2 uova a temperatura ambiente

1 cucchiaino di lievito per dolci

Per la decorazione

200 g di cioccolato fondente

biscotti di frolla montata

Procedimento

Polverizzare lo zucchero e aggiungere la scorza di limone (io ho utilizzato il Bimby, in alternativa potete utilizzare direttamente lo zucchero a velo).

Per i primi passaggi ho utilizzato il Bimby (potete utilizzare anche la planetaria, oppure direttamente a mano), poi ho proseguito brevemente la lavorazione a mano.

Montare la farfalla nel Bimby (o utilizzare la planetaria o le fruste). Aggiungere il burro e montare 2 minuti velocità 3.

Aggiungere le uova e montare 30 secondi velocità 4.

A questo punto ho tolto la frolla montata del Bimby e continuato a mano, facendo amalgamare bene le uova.

Infine ho aggiunto la farina setacciata con il lievito, impastando velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.

Lasciare riposare la frolla montata per circa 1 ora (io l’ho lasciata a temperatura ambiente, perché avevo paura che in frigo diventasse troppo dura).

Con un sac-à-poche o una siringa sparabiscotti realizzare i biscotti di frolla montata su un foglio di carta da forno.

Io sono particolarmente negata con il sac-à-poche, per cui ho acquistato una siringa spara-biscotti, con cui invece mi trovo molto bene. Adattissima anche per questa ricetta.

Cuocere i biscotti a 170°C per circa 15-20 minuti. Il tempo dipende dalla dimensione dei vostri biscotti. Per un risultato ottimale, cercate di realizzare i biscotti tutti di dimensioni simili, oppure infornateli in tempi separati.

Una volta che saranno raffreddati, sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e “inzuppatevi” o “pucciatevi” i biscotti da un lato.

Lasciate raffreddare su una griglia o sullo stesso foglio di carta da forno utilizzato per la cottura.

 

 

Share