Archive for antipasti

Insalata russa a modo mio

Share

Era da tempo che volevo prepararmi nuovamente questa Insalata Russa.

Così ho colto l’occasione della GN dedicata all’Insalata Russa dal Calendario del Cibo Italiano (di cui Serena Bringheli è Ambasciatrice) e del fatto che avessi un pò di tempo a disposizione per prepararne una versione “a modo mio”.

L’Insalata Russa è forse una delle più note tra le insalate del gruppo “insalate composte di verdure cotte o miste di cotte e crude”, e viene prevalentemente servita come antipasto, anche se noi la mangiamo quasi sempre come contorno.

Sull’origine dell’Insalata Russa ci sono diverse teorie forse dovute anche alle varie ricette con cui questo piatto viene preparato nelle varie Nazioni.

Tra le varie possibili origini, alcune fonti ne attribuiscono la natività a Caterina dè Medici, altre le conferiscono nascita italiana e nome dovuto al fatto che veniva preparata con verdure coltivate prevalentemente in Russia.

Ma quale che sia l’effettiva origine dell’insalata russa, il dato di fatto è che, oggi, viene prodotta e utilizzata in moltissimi paesi e seguendo ricette anche molto diverse.

Oggi noi abbiamo preparato questa versione dell’Insalata Russa “a modo mio”, utilizzando solo verdure cotte al vapore e maionese fatta in casa con tuorli pastorizzati.

Non preparo molto spesso la maionese, ma da quando ho scoperto questa ricetta velocissima pastorizzando i tuorli delle uova, credo che la preparerò molto più frequentemente.

Anche in questo caso devo ringraziare una mia amica FoodBlogger Tamara Giorgetti e il suo articolo su La repubblica.it nel quale ci insegna come pastorizzare i tuorli delle uova per preparare la maionese!

Insalata Russa a Modo Mio

insalata russa

Ingredienti per le verdure

150 g di piselli surgelati

100 g di carote

1 patata

700 g di acqua

sale q.b.

1 cucchiaino di aceto

insalata russa

Ingredienti per la maionese

2 uova (i tuorli)

1,5 dl di Olio di semi

0,5 dl di Olio Extravergine di Oliva

1 cucchiaino di sale

1 cucchiaino di succo di limone

insalata russa

Procedimento

Tagliare tutte le verdure a cubetti e posizionarli nel vassoio della Vaporiera.

Aggiungere l’acqua nel recipiente della Vaporiera e l’aceto.

Cuocere le verdure al vapore per circa 20 minuti.

Lasciare raffreddare a temperatura ambiente.

Nel frattempo prepariamo la maionese con i tuorli pastorizzati.

Scaldare l’olio di semi in un pentolino fino al raggiungimento della temperatura di 70°C (utilizzare un termometro per liquidi).

Questo passaggio è molto veloce, perché l’olio impiega pochissimo a raggiungere la temperatura stabilita. Io vi consiglio di iniziare subito da freddo a misurare la temperatura.

Versare i tuorli in un recipiente del mixer e iniziare a montare con la frusta.

Aggiungere l’olio caldo a filo sempre continuando a montare.

Poi versare l’olio a temperatura ambiente e incorporare il succo di limone e il sale.

Continuare a montare per 10 secondi.

Lasciare raffreddare.

La maionese realizzata con questo procedimento può essere conservata per circa 24/48 ore.

Una volta che la maionese e le verdure saranno raffreddate, amalgamatele insieme e disponetele in una ciotola da portata.

La vostra Insalata Russa è pronta!

insalata russa

 

 

 

 

 

Share

Torta salata porri e pomodorini

Share

La torta salata porri e pomodorini è il mio contributo per la Settimana Nazionale delle torte salate, secondo il Calendario del Cibo Italiano, di cui Alessandra Gennaro è Ambasciatrice.

Per questa torta salata porri e pomodorini arricchita con formaggio Asiago ho utilizzato una base di pasta al vino bianco senza burro e lievito e con solo olio di semi.

La pasta al vino e olio è una pasta, simile alla brisè, ma più leggera e saporita, velocissima da preparare.

Come tutte le basi sia dolci e salati (frolla, brisè, sfoglia), necessiterebbe, comunque, di un periodo di riposo. Io in questo caso non avevo molto tempo (ma molta fame), quindi l’ho utilizzata subito; il risultato è stato ottimo lo stesso.

torta salata porri e pomodorini

Questa torta salata porri e pomodorini, tra le altre cose, mi ha dato anche l’occasione giusta per provare la farina da grani  teneri antichi, del Podere Collina del Vento della mia amica Daniela Brunetti.

I grani antichi (il Verna, il Frassineto, il Gentilrosso, l’Inallettabile e l’Abbondanza, seminati in miscuglio per abbattere le infestanti) vengono coltivati al Podere Collina del Vento in maniera Biologica, o meglio Naturale,  cioè senza l’utilizzo di fertilizzanti chimici, diserbanti o insetticidi.

Una delle Mission del Podere Collina del Vento, infatti, è quella di coltivare prodotti totalmente sani nel pieno rispetto della terra e delle persone che la lavorano e di rispettare la biodiversità della terra.

I grani antichi vengono poi macinati in mulini a pietra e si ottiene una farina di tipo 1 o 2, a seconda dei casi.

Per questa torta salata porri e pomodorini io ho utilizzato la farina di tipo 1.

torta salata porri e pomodorini

Perché molto spesso uso il porro, nelle mie ricette?

Come avrete potuto notare, nelle mie ricette salate (che siano torte salate o meno), scelgo molto spesso di utilizzare il porro (Allium porrum), invece della cipolla (come ad esempio nelle vellutate o nei risotti).

Il porro, difatti, è un ortaggio che si utilizza in maniera simile alla cipolla, di cui ne ricorda anche il gusto, anche se il porro risulta più delicato ed infatti viene anche comunemente chiamato: “la cipolla gentile“.

Il porro è un ortaggio ricco di acqua (più del 90%), poco calorico, ricco di vitamina A, vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B, oltre a ferro, magnesio e acido fosforico (utili al sistema nervoso), sodio, zolfo e silice (quest’ultima favorisce l’elasticità delle articolazioni e della pelle), manganese, potassio e calcio (toccasana per le ossa). Inoltre è adattissimo per chi soffre di dispepsie, anemie, reumatismi, artrite e per chi ha bisogno di dimagrire.

Torta salata porri e pomodorini con formaggio Asiago

torta salata porri e pomodorini

Ingredienti per la pasta al vino

100 g di olio di semi (io girasole)

100 g di vino bianco

farina q.b.

So che a molti non piace  quando nelle ricette, vi dico “a occhio” o “q.b.”, ma credetemi, questa ricetta è veramente semplice, che non potete sicuramente sbagliare, al più vi verrà una pasta o leggermente più dura o più morbida. Io mi regolo così: ne aggiungo un pò alla volta mentre impasto e quando riesco ad ottenere una pasta sufficientemente elastica ed omogenea, smetto di aggiungere farina.

Ingredienti per il ripieno

2 porri (meglio la parte bianca che è più morbida e più digeribile)

1o pomodorini

1 uovo

100 g di formaggio Asiago

sale, q.b.

Procedimento

In una ciotola miscelare insieme il vino e l’olio. Aggiungere la farina a pioggia e impastare a mano fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Nel frattempo saltare in padella con poco olio, i porri tagliati a listarelle sottili e i pomodorini tagliati a metà, per una decina di minuti.

Una volta raffreddati unire l’uovo sbattuto con un poco sale e il formaggio Asiago tagliato a petali.

Stendere la pasta al vino fra due fogli di carta da forno e adagiare su una teglia circolare.

torta salata porri e pomodorini

Versare il ripieno sulla torta e cuocere in forno caldo a 200°C per circa 20-25 minuti.

Da consumare tiepida o fredda.

 

Fonti:
http://www.riza.it/dieta-e-salute/cibo/3090/usa-il-porro-la-cipolla-gentile.html
http://www.greenme.it/spazi-verdi/naturomania/1258-porro-proprieta
http://www.poderecollinadelvento.it

 

Share

Crostini mousse di mortadella

Share

I Crostini mousse di Mortadella: la nostra proposta per l’antipasto di Natale.

Questi crostini mousse di Mortadella sono l’ideale come antipasto per i nostri pranzi o cene di Natale. Semplice e veloce da preparare, la mousse di Mortadella è pronta in 5 minuti; basta un mixer o frullatore.

Anche in questo caso devo ringraziare il Calendario Italiano del Cibo, che ha dedicato alla Mortadella, una delle prime Giornate Nazionali dello scorso anno e all’Ambasciatrice della GN Francesca Carloni che ci ha raccontato una fantastica ricetta della spuma di mortadella.

Così dopo diverso tempo, pensando ad una ricetta semplice, che si adatta a tutte le feste e a tutti i gusti, da Natale a Capodanno, ma anche Pasqua, Pasquetta e Primo Maggio!!!.

crostini mousse di mortadella

A casa nostra è stata gradita (decisamente!).

Continue Reading →

Share

Insalata fagioli verdi e gamberetti

Share

Ecco un’altra ricetta per la rubrica remise en forme, dopo le abbuffate natalizie: l’insalata fagioli verdi e gamberetti; un piatto semplice, veloce, gustoso e leggero.

Dopo l’insalata mele e noci, un altro piatto semplice in grado di saziare senza appesantire, da mangiare freddo o caldo: l’insalata di fagioli verdi e gamberetti.

Questa insalata è un ottimo piatto unico per un pranzo veloce (anche in ufficio!) e salutare ma può rappresentare anche un ricco antipasto per una cena con gli amici.

Dopo ricette ricche e laboriose, pranzi interminabili con mille portate dall’antipasto al dolce, c’è bisogno di qualche piatto da preparare e gustare in fretta, come l’insalata di fagioli verdi e gamberetti, che si prepara in soli 15 minuti!!

insalata fagioli verdi e gamberetti

Insalata di fagioli verdi e gamberetti

Ingredienti (per 4-8 persone)

1 confezione di fagioli verdi surgelati

2 confezioni di gamberetti surgelati

sale , pepe, olio extravergine di oliva, timo

Procedimento

Lessare in acqua bollente i fagioli verdi per circa 15 minuti.

Procedere allos tesso modo con i gamberetti, ma cuocere solo 1 o 2 minuti.

Scolare e unire ai fagioli verdi. Condire con olio d’oliva, sale, pepe e timo.

Servire freddo o caldo.

 

Share

Panettone gastronomico Bimby

Share

Ormai mancano pochi giorni e noi stiamo ancora pensando a cosa preparare per il pranzo di Natale; ma una cosa è certa, come antipasto non deve mancare il Panettone gastronomico Bimby!

Il panettone gastronomico Bimby, per chi non lo conoscesse, è la variante salata del classico Panettone dolce. La sua forma richiama quella del panettone dolce, ed è probabilmente per questo che viene chiamato anch’esso Panettone, ma è generalmente più alto e viene farcito a strati.

panettone gastronomico Bimby

Ho assaggiato un paio di volte il panettone gastronomico Bimby  in occasione di feste di compleanno ed era da tempo che volevo prepararlo in casa, così ho pensato che il pranzo di Natale poteva essere l’occasione adatta!

Il bello di questo panettone gastronomico Bimby è che può essere farcito in tante modi, con salse diverse e con abbinamenti strani.

Per questa mia ricetta, ho scelto le seguenti farciture:

  1. Philadelphia al tartufo & semi di zucca sul primo strato
  2. Philadelphia alle erbette, bresaola & granella di mandorle sul secondo strato
  3. Philadelphia al salmone & granella di pistacchi sullo strato più in alto

 

panettone gastronomico bimby

 

 

panettone gastronomico Bimby

panettone gastronomico Bimby

Ma potete anche farcirlo con pesto, pesto alla siciliana, insalata pomodoro e mozzarella, e così via…

Il risultato è esageratamente goloso in ogni caso!!

panettone gastronomico bimby

 

Panettone gastronomico Bimby

La ricetta originale per il Bimby la trovate su ricette-bimby.com. Io l’ho modificata sostituendo il lievito di birra con l’estratto di lievito madre (non avevo il tempo per la lievitazione lunga con lievito madre) e lo strutto con l’olio di oliva.

Ingredienti (per 1 panettone)

500 gr di farina 0

200 gr di acqua tiepida

30 gr di estratto di lievito madre essiccato

8 gr di lievito secco

50 gr di burro morbido

20 gr di olio di oliva

30 gr di zucchero

latte q.b. per spennellare.

1 stampo di carta per Panettoni con i bordi alti.

Procedimento

Mescolate la farina con il lievito secco e l’estratto di lievito madre.

Nel Bimby miscelate l’acqua con lo zucchero (20 secondi velocità 2).

Aggiungete la miscela di farina e lieviti.

Impastate 1 minuto velocità spiga.

Aggiungete il burro e l’olio. Impastate 4 minuti velocità spiga.

Fate lievitare per almeno 1 ora in luogo chiuso.

Riprendete l’impasto, lavoratelo con le mani, formate una palla e riponetelo a lievitare nello stampo di carta.

Quando sarà completamente lievitato (deve raggiungere il bordo), spennellate la superficie con il latte e cuocetelo in forno caldo a 180°C per circa 20 minuti.

Lasciate raffreddare.

Tagliate a strati e farcite a piacimento.

panettone gastronomico bimby

 

Share