Archive for Dolci – Page 2

Sbriciolata alla Nutella

Share

La Sbriciolata alla Nutella è la mia nuova proposta dolce per questa settimana.

Dolcissima e ovviamente super golosa, la Sbriciolata alla Nutella è un dolce semplicissimo e veloce da realizzare; e in casa nostra va decisamente a ruba.

Il nome della Sbriciolata alla Nutella ricorda quello del tradizionale dolce Mantovano: “La Sbrisolona” ed anche la modalità di preparazione è pressoché la stessa.

Entrambe i dolci, infatti, hanno la caratteristica di essere realizzati in maniera non omogenea e nella parte superiore la pasta frolla non è compattata come nelle crostate, ma è distribuita casualmente.

Altra proprietà di questi tipi di dolce è il fatto che devono essere rigorosamente spezzati con le mani e non tagliati con il coltello.

E quindi a noi piacciono tantissimo!!!

La sbriciolata alla Nutella è la variante della Sbrisolona per instancabili golosi e ovviamente la preferita dei bambini!

E anche delle mamme, perché si prepara veramente in pochissimo tempo.

sbriciolata alla nutella

Per questa versione della Sbriciolata alla Nutella ho utilizzato una base simil pasta frolla, senza uova né burro. Devo dire che d’impatto l’impasto non mi sembrava effettivamente un granché, ma una volta cotto era squisito!

Sbriciolata alla Nutella

Ingredienti

300 g di farina 0

125 g di acqua

150 g di zucchero di canna

120 g di olio di semi

1 bustina di lievito per dolci

Nutella (per il riempimento) a volontà.

 

Procedimento

Preparare la pasta frolla, miscelando l’acqua e l’olio.

Aggiungere lo zucchero di canna e amalgamare.

Incorporare la farina con il lievito e impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Dividere l’impasto in due parti.

Stendere una parte dell’impasto in una tortiera ricoperta di carta da forno.

Ricoprire con abbondante Nutella.

Chiudere la torta con la  restante parte di pasta frolla

Cuocere in forno caldo per 25 minuti a 180°C.

sbriciolata alla nutella

 

Share

Cheesecake freddo senza colla di pesce

Share

Finalmente anch per me è arrivato il momento Cheesecake e per l’occasione Cheesecake freddo senza colla di pesce!

Spronata ancora una volta dalla sfida di Mtchallenge, per la quale  Anna e Fabio di AssaggidiViaggio, vincitori della sfida del mese scorso, hanno scelto proprio i Cheesecake.

Non è un caso che la mia versione del cheesecake freddo senza colla di pesce arrivi a fine mese, infatti si tratta del mio primo approccio con questo tipo di preparazione e prima di provare cmi sono letta tutti i contributi dei partecipanti a questa sfida!
In particolare devo ringraziare la mia amica Sara di Pixelicious, anche lei avversa all’uso della colla pesce che mi ha insegnato un sacco di espedienti per preparare questo cheesecake freddo senza colla di pesce.
In pratica tutto il mese ho studiato le varie preparazioni proposte in questa sfida, fatto ricerche in rete e testato i fantastici consigli ricevuti.
Alla fine è arrivata anche il mio primo cheesecake in questo caso dolce con topping alla marmellata di fragole e zenzero e copertura di frutti di bosco.

cheesecake freddo senza colla di pesce

In realtà il primissimo  esperimento (il mio “imparaticcio”) era una versione salata, ma ho calcolato male la dimensione della tortiera e quindi, nonostante fosse buonissima (per me anche meglio della dolce) non era decisamente presentabile come cheesecake (al limite come torta salata) … Vabbeh non tutte le ciambelle riescono con il buco.
L’importante è la costanza.   Così ho riprovato subito con questa variante dolce e senza cottura.
Per la base ho scelto dei biscotti al burro (tipo Digestive ) che ho frullato insieme alle bacche di goji per una nota di colore e smorzare il dolce del biscotto.

Per il topping ho preparato una marmellata veloce con fragole e zenzero. Anche in questo caso ho scelto lo zenzero per creare un contrasto con il dolce delle fragole.

Cheese cake fredda senza colla di pesce alle fragole e frutti di bosco

Ingredienti

Per la base

150 g di biscotti secchi tipo Digestive
60g di burro
30 g di bacche di goji

Per la farcia

250 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
250 g di yogurt greco
200 g di panna vegetale zuccherata
60 g di amido di mais
30 g di sciroppo d’acero
2 uova

Per il topping

500 g di fragole
200 g di zucchero di canna
1 radice di zenzero

Per la decorazione

200 g di frutti di bosco freschi

cheesecake freddo senza colla di pesce

Procedimento

Per prima cosa preparate la marmellata di fragole e zenzero; potete farla anche qualche giorno prima.

In una casseruola versate lo zucchero e le fragole lavate e tagliate a dadini. Aggiungete lo zenzero tagliato a fettine ed un cucchiaio di acqua. Dopodiché cuocete a fuoco basso per circa 40 minuti mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo tritate i biscotti nel mixer insieme alle facce di goji. Incorporate il burro fuso e amalgamate il tutto. Poi rivestite di carta da forno una tortiera apribile e versate sul fondo la vostra base. Compattate bene e riponete in frigo per circa 30 minuti.

In una casseruola versate 150 g di panna con il formaggio spalmabile e lo yogurt greco. Mescolate bene con una frusta e cuocete a fuoco basso per un paio di minuti. Aggiungete le uova e mescolate continuando la cottura. Infine unite l’amido di mais alla panna rimanente e incorporate nella crema, continuando a cuocere per altri 10 minuti.

Dopodiché lasciate raffreddare mescolando di tanto in tanto.

Quando la crema sarà raffreddata, versatela delicatamente sulla base livellandola e riponete di nuovo in frigo a raffreddare per almeno 3 ore.

Una volta trascorso il tempo di raffreddamento riprendete il cheesecake e decorate con uno strato di marmellata di fragole e zenzero.

Riponete nuovamente in frigo per almeno una notte.

Al momento di servire decorate con frutti di bosco freschi e zucchero a velo.

cheesecake freddo senza colla di pesce

I Consigli

Rispettare i tempi di riposo di questo cheesecake è fondamentale per la corretta riuscita della ricetta.

 

Share

Sbriciolata alla crema di limone e menta

Share

La sbriciolata alla crema di limone e menta è il mio contributo alla Settimana della Cucina delle Erbe e dei Fiori, secondo il Calendario del Cibo Italiano, di cui Cinzia Donadini è Ambasciatrice.

Il mio contributo, con questa sbriciolata alla crema di limone e menta arriva in extremis quasi a conclusione della Settimana, ma ci tenevo particolarmente a partecipare.

Alla cucina con i fiori mi sono avvicinata da poco, la crostata di fragole e viole è stato il mio primo esperimento, ma per le erbe aromatiche ho una vera e propria passione.

L’ultima creazione è proprio questa sbriciolata alla crema di limone e menta; una  torta fresca e intensamente profumata, grazie ai limoni (quelli del nostro albero!) e al contrasto della menta.

Ho sempre adorato l’abbinamento menta e limone, fin da quando era piccola; questi erano i miei  gusti di gelato preferiti. Li sceglievo un pò per il colore (ho sempre avuto un debole per i colori accesi!!), ma soprattutto per il profumo e per quel sapore fresco e dissetante.

Se vi piacciono le cose troppo dolci, sappiate che la sbriciolata alla crema di limone e menta non è proprio una tra le torte più dolci e zuccherose.

Ma se volete rallegrare le vostre giornate con un dolce fresco, profumato allora questa torta fa al caso vostro.

sbriciolata alla crema di limone

La crema al limone che ho utilizzato per farcirla è molto semplice e si prepara come una crema pasticciera, ma ha consistenza, sapore e resa completamente diversi. Per prima cosa il limone, manco a dirlo, è la componente preponderante.

La consistenza della crema di limone ricorda più la crema al latte (per intenderci quella che si utilizza per la farcitura di torte tipo la Torta Paradiso) ma, secondo me, è decisamente più buona e delicata.

La menta fresca, amalgamata nella crema alla limone una volta raffreddata,  aggiunge un’ulteriore nota di freschezza.

Per la base, invece ho optato per un impasto simil-frolla, senza burro.

Sbriciolata alla crema di limone e menta

sbriciolata alla crema di limone

Ingredienti

Per la base

300 g di farina 0

150 g di zucchero di canna

80 g di olio di semi

1 uovo

1 cucchiaino di lievito per dolci.

Per la crema al limone e menta

2 limoni bio (+ 1 per la decorazione)

2 uova

20 g di olio di semi

100 g di zucchero di canna (+ 100 g per caramellare le fettine di limone decorative)

10 foglioline di menta (+ qualcuna per la decorazione)

Procedimento

sbriciolata alla crema di limone

Per prima cosa preparare la base, impastando tutti gli ingredienti a mano per amalgamarli.

Trattandosi di una sbriciolata non è necessario che il composto sia omogeneo, anzi. Io addirittura non l’ho fatto nemmeno riposare in frigo, cosa che invece è necessaria per le normali frolle.

Nel frattempo preparare la Crema al limone e menta, iniziando con il grattugiare la scorza di limone.

Per preparare la crema si può usare sia il Bimby, versando tutti gli ingredienti nel boccale e cuocendo per 8 minuti a 90°C velocità 3.

Oppure potete realizzare la crema al limone anche versando gli ingredienti in una casseruola e cuocendo a fuoco lento, mescolando sempre per non far attaccare il composto. La crema è pronta quando gli ingredienti saranno completamente amalgamati e comincerà ad addensarsi.

Una volta cotta la crema, fatela raffreddare prima di utilizzarla.

Nel frattempo foderate una teglia con carta da forno e disponete metà dell’impasto pressando con le dita per farlo aderire ai bordi.

Quando la crema sarà raffreddata versarla sulla base e aggiungere le foglioline di menta sminuzzate a mano (per non farle annerire).

Ricoprire con l’altra metà dell’impasto.

Cuocere in forno caldo.

Mentre la torta è in forno, tagliate il limone rimasto a fettine; mettete in un pentolino 100 g di zucchero di canna con un pochino d’acqua e fate sciogliere a fuoco basso, continuate la cottura fino a che il compito non comincerà a rassodare.

Spegnete il fuoco e unite le fettine di limone .

Spolverare la torta con zucchero a velo e decorare con fettine di limone e foglioline di menta.

Far raffreddare prima di servire.

Share

Marmellata Fragole e Rosmarino

Share

La marmellata fragole e rosmarino è il mio contributo alla Giornata Nazionale delle Fragole per il Calendario del Cibo Italiano di cui Stefania Pigoni è Ambasciatrice.

La marmellata fragole e rosmarino non è una delle marmellate più comuni e anche l’abbinamento è molto particolare. Io non ne avevo mai sentito parlare (né mai assaggiata) fino al giorno del mio Blog Tour Un mare di Gusto. Fra i tanti consigli e suggerimenti ricevuti da Beatrice Massaia dell’Azienda Agricola SS Annunziata II (ricorderete i rimedi naturali con l’olio di oliva) mi hanno colpito le sue marmellate speciali, e fra queste  la marmellata fragole e rosmarino è quella che mi ha incuriosito maggiormente.
Sono rimasta talmente colpita da questa  marmellata, che non ho saputo resististere  alla tentazione e tornata a casa, con le prime fragole dell’orto ho provato a preparare anche io questi due vasetti di marmellata fragole e rosmarino.
Vi dico solo che, il primo vasetto l’ho finito, da sola, la sera stessa senza nemmeno assettare che freddasse. E con questo vi ho già dato l’idea della bontà di questa marmellata.

marmellata fragole e rosmarino

Inoltre è piaciuta anche alle bambine che amano le fragole ma non il rosmarino per colpa dei suoi aghi (la piccola li chiama le spine..). In effetti nella marmellata possono essere fastidiosi ma regalano una nota di contrasto alla ricetta tipicamente dolce.
Per me, che non sono amante del troppo dolce (la mia marmellata di preferita è quella di limoni amara) questa marmellata fragole e rosmarino è il giusto compromesso.

Deliziosa sulle fette biscottate e particolare se abbinata ad un formaggio molto stagionato, noi abbiamo promosso la marmellata di fragole e rosmarino a pieni voti.

Marmellata fragole e rosmarino

500 g di fragole
200 g di zucchero di canna
50 g di rosmarino

Lavare e tagliare le fragole a cubetti, metterle in una casseruola insieme allo zucchero.

Cuocere a fuoco basso. Durante la cottura aggiungere anche gli aghi di rosmarino.
Cuocere fino a che la marmellata non comincia ad addensarsi.
Versate nei barattoli di vetro a chiusura ermetica lavati e sterilizzati.

marmellata fragole e rosmarino

Share

Crostata di fragole e viole

Share

La crostata di fragole e viole è il nostro dolce della settimana.

La crostata di fragole e viole è un dolce fresco, profumato e colorato  adatto a questa stagione in cui le prime fragole cominciano a maturare e i primi caldi iniziano a farsi sentire.
Qui è già quasi estate (anche se a  giorni alterni) e noi già abbiamo voglia di piatti freschi ma sempre golosi.

Dopo il pieno di cioccolata che abbiamo fatto ad Aprile questo mese lo dedichiamo alla frutta e in particolare alle fragole.

E per il dolce di questa settimana ho pensato appunto alla crostata di fragole e viole arricchita con petali di viole edulee.

Ho scoperto i fiori edulei da poco, grazie alla mia amica  Valentina de Felice di diVerdediViola; è infatti grazie alle sue ricette, in particolare il fantastico Honey Posset alla Violetta e ai suoi preziosi consigli che mi sono avvicinata all’utilizzo dei fiori in cucina.

Ed ora che li ho scoperti, non li mollo più! Rendono il piatto profumato, colorato, esteticamente bellissimo e delicato al palato.

crostata di fragole e viole

Ovviamente prima di utilizzare i fiori in cucina, occorre seguire qualche piccolo accorgimento.

Non tutti i fiori sono commestibili, quindi  occorre sempre verificare la specie di appartenenza e soprattutto conviene utilizzare quelli coltivati in proprio. Io mi sono procurata delle piantine di viole edulee commestibili biologiche e le ho piantate nel nostro orto (sperando che le lumache le risparmino!). Va ricordato inoltre che, la parte commestibile di questi fiori edulei sono solamente i petali.

crostata di fragole e viole

Per questa ricetta della crostata di fragole e viole ho utilizzato i petali di viola classica, per la frolla invece ho optato per una frolla all’olio, più leggera e più morbida rispetto alla classica al burro.

La crostata di fragole e viole

crostata di fragole e viole

Ingredienti per la frolla

200 g di farina 0

100 g di zucchero di canna

75 g di olio di semi

75 g di acqua

1 cucchiaino di lievito per dolci

Ingredienti per la crema

2 uova

1 limone bio (la scorza)

100 g di zucchero di canna

40 g di farina

500 g di latte intero

Ingredienti per la decorazione

200 g di fragole

50 g di petali di viole

Procedimento per la frolla

In una ciotola mescolare la farina con lo zucchero di canna (meglio se polverizzato) e il lievito.

Unire l’olio e l’acqua ed impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Avvolgere in una pellicola e riporre in frigo per circa 1 ora.

Riprendere la frolla, stenderla fra du fogli di carta da forno e rivestire una tortiera.

Coprire la frolla con il foglio di carta da forno e ricoprire con sale grosso o fagioli secchi per procedere alla cottura alla cieca, in forno caldo a 175°C per circa 10-15 minuti.

Sfornare e lasciare raffreddare.

Procedimento per la crema

Nel frattempo, preparate la crema.

In una casseruola, lavorare lo zucchero con i tuorli fino a ottenere un composto bianco e spumoso.
Aggiungere la farina setacciata, il latte e due pezzetti di buccia di limone.

Scaldare a fiamma media e addensare la crema senza far bollire, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno.

Togliere le bucce di limone e lasciar raffreddare

Quando la crema sarà raffreddata, versatela sulla base di frolla e livellatela.

Lavate ed asciugate le fragole, poi tagliatele a fettine e decorate la torta

Lavate delicatamente ed asciugate le viole. Staccate i petali ad uno ad uno (lasciatene alcune intere per decorazione). Cospargete i petali sulla torta.

Delle viole intere, rivestite il gambo con dell’alluminio e ponetele al centro della torta per decorazione.

crostata di fragole e viole

 

 

 

 

Share