Crema di ceci e mazzancolle al limone

Share

Pranzi in spiaggia? Ai panini e tramezzini io preferisco di gran lunga una bella porzione di crema di ceci e mazzancolle al limone.

crema di ceci e mazzancolle al limone.

Fresca, nutriente, iperproteica (che in questo momento mi serve proprio) questo piatto si addice anche a chi non vuole rinunciare a mangiare bene anche fuori casa.

Da quando i miei esami del sangue hanno evidenziato una anemia importante, non essendo io una grande mangiatrice di carne, sto cercando di integrare questo minerale (oltre che con la classica cura) anche con un’alimentazione più adeguata.

Anche quando mangio fuori casa cerco, quindi, il più possibile di inserire nel menù alimenti ricchi di ferro.

I ceci sono un’ottima fonte proteica tra le proteine di origine vegetale. Inoltre  sono anche una fonte di sali minerali, in particolare di calcio, ferro, fosforo e potassio. Contengono anche vitamina A e vitamine del gruppo B. Per quanto riguarda il ferro, si tratta di ferro di origine vegetale quindi per favorirne l’assorbimento  è necessario accompagnarne il consumo con alimenti ricchi di vitamina C, come ad esempio il succo di limone.

Crema di ceci e mazzancolle al limone

crema di ceci e mazzancolle al limone . Vista del piatto dall'alto con sottopentola in stile marinaro

Ingredienti

400 g di ceci lessati (io utilizzo quelli in barattolo)

250 g di mazzancolle (io utilizzo quelle congelate, già pulite)

1 cucchiaino di salsa di soia

qualche goccia di tabasco

succo di 1 limone

olio extravergine di oliva, sale, pepe q.b.

Procedimento

Scolare i ceci in un colapasta e sciacquarli sotto l’acqua corrente. Versarli nel boccale del mixer e frullarli grossolanamente. Aggiungere un filo d’olio, la salsa di soia, il tabasco, sale e pepe.

Frullare fino ad ottenere un composto omogeneo, ma non troppo liquido.

Lasciare riposare in frigo.

Nel frattempo, scottare le mazzancolle, precedentemente scongelate, in abbondante acqua salata, per un paio di minuti.

Scolarle e lasciarle riposare in frigo.

Preparare il condimento mescolando il succo di limone con un cucchiaio di olio, sale e pepe.

Al momento di servire, versare un pò di crema di ceci sul fondo del piatto, adagiarvi sopra le mazzancolle e irrorare con il condimento a crudo.

Servire subito, accompagnato anche con crostini di pane.

Share

Penne integrali al pesto di peperoni Cornelio – Fruit 24

Share

Oggi per cena vi propongo un succulento piatto di penne integrali al pesto di peperoni Cornelio, per fare  il pieno di carboidrati, fibre e vitamine.

Il pesto di peperoni Cornelio, grazie al loro sapore dolce e delicato  è il condimento perfetto per questo primo piatto,  semplice e veloce da realizzare. Perfetto per chi ha poco tempo da dedicare alla cucina.

Non sono una grande amante dei peperoni, come avrete visto dalla scarsità di ricette che includono questo ingrediente, ma questi peperoni Cornelio, dolci e tenerissimi mi hanno veramente convinto.

Le penne integrali al pesto di peperoni Cornelio sono la mia seconda proposta per il progetto Fruit 24, volto a promuovere un maggiore consumo di frutta e verdura per tutta la giornata.

Penne integrali al pesto di peperoni Cornelio – la ricetta completa

Ingredienti

Questi sono gli ingredienti per preparare 1 vasetto di pesto, sufficiente per condire circa 500 g di pasta (dosi per 6 persone)

Per il pesto

1 peperone cornelio giallo

1 peperone cornelio rosso

1 manciata di pinoli

1 peperoncino

olio extra vergine q.b.

sale q.b.

Per la pasta

500 g di penne rigate integrali

pecorino stagionato q.b.

pepe nero q.b.

Tempo di preparazione

10’ per grigliare i peperoni

3’ per preparare il pesto

1h di riposo

9’ cottura della pasta

Procedimento

Lavare bene i peperoni, aprirli e privarli dei semi. Tagliarli in quattro parti. Riscaldare la griglia di ghisa e grigliare i peperoni per almeno 5’ per lato girandoli spesso.

Lasciare raffreddare.

Spellare i peperoni e tagliarli a pezzetti direttamente nel bicchiere del mixer. Aggiungere i pinoli e il peperoncino tagliato a pezzetti, un pizzico di sale e 1 cucchiaio di olio.

Iniziare a frullare e eventualmente aggiungere altro olio fino ad ottenere un composto omogeneo.

Versare in un vasetto e aggiungere altro olio fino a ricoprire il pesto.

Lasciare riposare in frigo almeno 1h in modo che i sapori si amalgamino.

In genere, sono solita preparare il pesto di peperoni, la mattina e lasciarlo in frigo per utilizzarlo la sera a cena.

Cuocere le penne integrali in abbondante acqua salata per circa 9’ o comunque in base alle indicazioni di cottura della vostra pasta preferita.

Scolare e condire con il pesto di peperoni precedentemente preparato. Anche in questo caso le quantità sono variabili; dipende da quanto condita vi piace la pasta e da come reagisce al sugo il formato e tipologia di pasta scelta

A noi piacciono le paste molto condite, e quindi ho abbondato con il pesto!

Aggiungere del pecorino stagionato a scaglie, una spolverata di pepe nero e servire subito.


Venite a scoprire la ricetta completa anche sul sito Fruit 24.

Share

Aperitivi ghiacciati e fruttati – Progetto Fruit24

Share

Aperitivi ghiacciati e fruttati. Tutto un altro Happy hour.

Questi aperitivi ghiacciati ( e a base di frutta) sono la mia prima ricetta per Fruit 24. Un progetto che mira a promuovere il consumo di frutta e verdura durante tutta la giornata, dalla colazione al dopo cena.

E io sono partita dal momento della giornata in cui è più facile cadere nella tentazione del junk food, ovvero l’aperitivo.

Gli aperitivi ghiacciati e fruttati costituiscono una salutare (e fresca, quanto golosa) alternativa a patatine e noccioline.

aperitivi ghiacciati

Curiosi? Leggete la ricetta completa dei miei aperitivi ghiacciati sul sito Fruit 24.

Share

Guazzetto di pesce di nonno Paolo

Share

Il guazzetto di pesce è un altro piatto di mare, tipico della cucina Toscana.

Nonché una delle ricette più riuscite di mio padre.

Da qualcuno dovevo pur aver ereditato la mia passione per la cucina!

E come prepara il guazzetto di pesce, mio padre, non lo fa nessuno. D’altronde da un nativo dell’Isola dell’Elba non si può non aspettarsi che ricette di pesce da leccarsi i baffi.

E questo guazzetto di pesce è veramente divino.

Buono caldo, tiepido e pure freddo, accompagnato con fette di pane Toscano tostate, è un’ottima cena estiva.

Guazzetto di pesce di nonno Paolo

guazzetto di pesce

Ingredienti

4 hg di seppie pulite

4 hg di gamberetti sgusciati

1 barattolino di vongole sgusciate

1 confezione da 250/300 cc di passata di pomodoro

1 cucchiaino di concentrato di pomodoro

1 Cipolla

2 spicchi d’aglio

Sale, olio, peperoncino q.b.

Vino bianco q.b.

Procedimento

Dopo aver pulito i pesci cuocere per circa 5 min le seppie con oliomezzo bicchiere di vino bianco e uno spicchio d’aglio. In una padella a parte scottare i gamberetti con olio e una spruzzata di vino bianco.

Togliere le seppie dalla padella e lasciarle riposare.

Tritare la cipolla e farla soffriggere nel liquido di cottura delle seppie. Quando si saranno rosolate, aggiungere le seppie, i gamberi con l’olio di cottura, e le vongole, con un pò della loro acqua, la passata di pomodoro ed il concentrato di pomodoro.

Aggiustare di  sale e peperoncino e lasciare cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti, cercando di non far asciugare troppo.

Servire subito ed accompagnare con fette di pane toscano.

guazzetto di pesce

Con questo articolo vorrei vincere un posto per il Blogging Camp

Share

Sorbetti di frutta

Share

Sorbetti di frutta fresca, tutto un altro modo di mangiare la frutta.

D’estate è più semplice mangiare la frutta fresca. La disponibilità è tanta, e la stagione ci propone frutti zuccherini, colorati e dolcissimi.

In genere, quindi, anche i bambini riescono a mangiarla con più facilità. Ma per variare un pò e rendere la merenda ancora più divertente ecco dei semplici sorbetti di frutta  multicolore.

Veloci, naturalmente colorati, rinfrescanti e dolcissimi, con poco zucchero aggiunto.

Per i miei sorbetti di frutta ho utilizzato pesche e susine nere, ma possono essere realizzati con la frutta che più piace ai vostri figli , come l’anguria il melone, semplicemente le albicocche oppure, perché no, alle fragole.

sorbetti di frutta

Ingredienti (x 2 sorbetti)
1 pesca
Cannella q.b
4 susine rosse

Per lo sciroppo
250 ml di acqua
1/2 cucchiaio di zucchero.

Procedimento

sorbetti di frutta

In un pentolino sciogliete lo zucchero nell’acqua a fuoco lento. Lasciate raffreddare.

Lavate la frutta, sbucciatela e tagliatela a pezzetti.

Nel bicchiere del mixer mettete la pesca a pezzetti e 1 cucchiaino di sciroppo. Frullate fino ad ottenere una purea .
Versare il composto in uno stampino riempiendolo per 1/3 per ghiaccioli e lasciate riposare in freezer per 15 -20 minuti.
Nel frattempo frullare le susine con 1 cucchiaino di sciroppo.
Riprendere i ghiaccioli dal freezer e verificare che la prima parte di frutta si sia solidificata.
Versare la purea di susine nello stampino fino a raggiungerne i 2/3.
Riporre nuovamente in freezer per altri 15-20 minuti.

Una volta solidificato anche questo strato, riprendere gli stampini e versare lo sciroppo di acqua e zucchero fino a colmarlo.
Riporre in freezer per almeno 3 ore.

Toglierli dal freezer 5 minuti prima di servire, rimuovere lo stampino estraendo lentamente dalla base dello stecco.

Consumare subito.

Share